Utente 163XXX
Salve,
in palestra ho eseguito un esercizio chiamato lento dietro che consiste con un bilancere che passa dietro alla nuca.
Ho avvertito dolori al collo ed il giorno dopo il dolore si è acuito a tal punto che non sono riuscito manca poco ad alzare la testa dalla posizione supina da letto.
Adesso (sono passati 2/3 gg) va molto meglio ma
Mi duole ruotando la testa la vertebra alla base del collo (vertebra prominente se non erro) ma in maniera particolara al tatto.
Sto mettendo cerotto TRANSACT sulla zona..
E' possibile che un osso dolga? Cosa posso essermi causato?
Grazie per l'attenzione

[#1]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Gentile Utente, premesso che non mi è possibile formulare un giudizio diagnostico senza una visita diretta (per cui la invito a consultare il suo Medico)posso genericamente dirle che può trattarsi di un problema muscolare, proprio di quei muscoli che si inseriscono sulle vertebre. Il dolore può anche essere sostenuto dalle articolazioni vertebrali che possono aver subito movimenti erronei. Il giudizio di un buon osteopata potrebbe esserle utile.
Coediali saluti
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#2]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Concordo pienamente con quando scritto dal collega. Sicuramente un controllo dello specialista le sarà utile per risolvere il problema e cercare anche di capire se esistono situazioni anatomo-funzionali che possano causare una recidiva della patologia stessa.
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#3] dopo  
Utente 163XXX

Vi ringrazio per il consiglio e per aver fugato alcune paure spero infondate.

Andrò da uno specialista anche perchè ritengo (parere personale) ci possano essere delle situazioni anatomo-funzionali in quanto è una zona presso la quale avverto spesso dolori o scosse elettriche, passando moltissimo tempo davanti al pc...
Grazie ancora

[#4]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Oltre quanto già detto penso sarebbe utile anche uan valutazione globale della sua poatura.
crdialmente
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#5] dopo  
Utente 163XXX

Salve,
Ho sostenuto la visita presso osteopata e dentista ed è emerso da una prima analisi che probabilmente ho una gamba più corta, problemi al bacino ed alla schiena con interessamento del tratto indicato (non ricordo C...)

Ciò concorre anche al problema


https://www.medicitalia.it/consulti/otorinolaringoiatria/8011-problemi-tonsillite-mascella.html


che avevo messo in evidenza tempo fa e che sembra dipendesse per quanto concerne il discorso della mascella a problemi all'ATM

Sto utilizzando un bite, forse dovrò mettermi un apparecchio fisso e fare sedute di osteopatia e correggere un po' la mia postura
Grazie per il supporto

[#6]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
E' possibile che la gamba corta ed i conseguenti disassiamenti non dipendana da una alterazione anatomica.
Almeno nel 90% dei casi si tratta di disarmonie del tono muscolare che portano ad un "accorciamenteo" apparente.
Se il problema sussiste non ostante l'uso di un bite è ancora molto più probabile che il bite non sia corretto piuttosto che pensare ad una reale differenza di lunghezza degli arti. Per risolvere il problema è quindi necessaria una accurata valutazione posturale e l'individuazione degli stimoli opportuni, altrimenti qualsiasi intervento non potrà che darle sollievo momentaneo.
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#7]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Egr. utente di Firenze, con il rispetto dovuto alle opinioni di tutti, e con la libertà di ogni essere umano di interloquire con chiunque e richiedere il pensiero ed il parere di chiunque, è bene chiarire qualche punto, soprattutto per dare corrette informazioni ed utili consigli agli utenti.
Per i suoi problemi legati ad una patologia traumatica riportata in palestra , ovvero ad una ipersollecitazione a livello del rachide cervicale, con cervicalgia a livello di C7, come dice lei vertebra prominente, e con una limitazione funzionale marcata, essendo questo settore specifico dell’ apparato locomotore, lo specialista adatto e ad hoc è l’ortopedico – traumatologo, in prima istanza, successivamente qualora fosse necessario un trattamento fisiochinesico - riabilitativo lo specialista ideale sarebbe il fisiatra .
Tutto ciò come premessa indispensabile per fare veramente una informazione più possibile esatta, più possibile valida e sempre con i limiti di un consulto specialistico on-line, non potendo eseguire la cosa principale dell’arte medica, ovvero l’esame clinico-semeiologico, ma dovendosi basare sulla propria esperienza, cultura, preparazione, e sui dati anamnestici, sui dati degli esami diagnostici che ci vengono riferiti.
Lei ha riportato verosimilmente, da quello che si può arguire dalla sua descrizione, una distrazione dei muscoli nucali, che si inseriscono posteriormente sulle vertebre cervicali, con rachialgia cervicale bassa e limitazione funzionale del collo. Il suo problema non dovrebbe essere legato a nessuna patologia né scheletrica, né strutturale del rachide ed un’esame radiografico del rachide cervicale con le prove dinamiche avrebbe chiarito il tutto. Con il semplice cerotto medicamentoso locale Transact già riferisce di avere avuto beneficio.
Poi egr. utente di Firenze, lei va da un odontoiatra !!! e non si comprende il motivo del consulto dell’odontoiatra e dell’applicazione di un byte !!!??? in una patologia traumatica cervicale, e se anche fosse stata di origine degenerativa ??? o una cervicalgia da un’iniziale uncoapatia, cioè un’iniziale patologia artrosica ?? e se anche fosse un paramorfismo cervicale con cervicalgia muscolo-tensiva ??? Poi parla probabilmente !! di gamba più corta !!?? Problemi al bacino ??? , alla schiena???
Scusi signor utente fiorentino, non riesco a capirla !!! Accorciamento vero , apparente ???
Mi scusi, ma nella sua splendida Firenze, una delle culle dell’Ortopedia Italiana, consulti un valido ortopedico che faccia un completo esame clinico - funzionale di tutto l’apparato locomotore: se necessario le richiederà un’esame radiografico e saprà certamente ben curala o indirizzarla da qualche altro medico .
Distinti saluti ed auguri .
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo // Fisiatra // Medico Sportivo
UNIVERSITA' DI MESSINA
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -