Utente 129XXX

A causa dolori a entrambi i piedi soprattutto notturni e con difficoltà a camminare mi sono sottoposta a rx il cui esito è il seguente:

tendenza al varismo del secondo dito bilateralmente-pronunciate deformazioni artrosiche metatarso falangee primo dito a dx con nettamente ridotta la rima con sclerosi dei versanti articolari con esuberante osteofitosi marginale con pronunciate degenerazioni artrosiche ancvhe dei sesamoidi alla testa metatarsale particolarmente il laterale ( in esiti di necrosi asettica?).

Banda di sclerosi ossea base testa settore attiguo diafisario del II metatarso di sx.Aspetto come di neoarticolazione fra le basi del I a II metatarso a sx.

Note artrosiche cuboide IV metatarso, tarsali anteriori, bilateralmente, piu evidenti scafoide primo cuneiforme a sx. Aspetto sinuoso del margine dorso mediale dello scafoide tarsale a dx (entesopatia?).

Presente os infranaviolare fra astragalo scafoide a dx. Piccolo sperone calcaneare posteriore bilaterale da entesopatia.

Cosa fare? Quali ulteriori accertamenti o terapie da fare? Opportuna visita specialistica e con quale indirizzo? Grazie anticipate!

[#1] dopo  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

credo che inizialmente potrebbe essere utile effettuare un trattamento "non invasivo" con un programma di trattamento specifico e personalizzato effettuato dopo un attento esame obiettivo da parte di uno Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione della sua zona di residenza,

il confronto con il suo medico di base potrebbe esserle utile per reperire tale Specialista,

vedrà che il collega potrà sicuramente aiutarla.

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)

[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Labate

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Gentile Utente

le voglio suggerire, vista la complessita' radiografica dei suoi piedi, e considerando anche che la risposta terapeutica alle varie terapie fisiche e' molto limitata in questa parte dello scheletro, di effetture un esame baropodometrico statico dinamico per lo studio dei punti di appoggio dei suoni piedi e farsi confezionare dei plantari personalizzati che l'aiuteranno molto nella deambulazione.
Cerchi nella sua zona un centro specializzato e qualificato.
Dr. giuseppe labate