Utente 571XXX
Salve, sono una ragazza di 28 piuttosto sportiva. Durante la settimana pratico 3 volte nuoto per circa 1h e mezza, alternando tutti gli stili, eccetto il delfino, mentre 2 volte faccio pesi in palestra, stimolando sempre le spalle.
Da aprile ho avuto una contrattura sulla parte destra del collo, che mi ha dato formicolio al braccio per più di un mese. Solo con l'osteopata ho risolto il blocco.Il punto é che quella parte rimane sempre a rischio e da quest'estate, da quando ho iniziato il nuoto nel mare, non so se sia una coincidenza, 24 ore dopo l'allenamento comincia a darmi un lieve bruciore il trapezio e il sovraspinoso, fino al collo.Se mi fermo almeno 2 giorni va via con creme antinfiammatorie, altrimenti aumenta proseguendo fino al collo, nonostante abbia sospeso la palestra da una settimana.Ho sempre praticato gli ex extrarotatori con elastico e non capisco perché il disturbo sia arrivato solo ora.Premetto che ho una scogliosi lombare con retroflessione del bacino a sin., dorso piatto e la mia spalla destra tende ad andare molto più in avanti della sin.
Sapreste darmi dei consigli per questo fastidioso problema.IL fatto di nuotare quasi tutti i giorni per 1h da quando sono al mare incide?Cosi come la mia esile struttura fisica, 1m76cm per 55kg?
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

penso converrà con me che è impossibile darle una risposta esaudiente senza un obiettività "de visu".

In ogni caso visto che il problema è insorto nuotando 1 h al giorno, io al suo posto inizialmente proverei:

- per un periodo a diminuire i tempi di nuoto giornalieri o a suddividerli, es 30 minuti mattino + 30 min. pom;

- utilizzare Fans locali creme/schiume,
se non danno beneficio, dopo consulto con il suo medico di famiglia valutare la possibilità di assunzione di Fans per bocca;

- se persistesse la sintomatologia è consigliabile confrontarsi con un collega di sua fiducia e valutare la necessità di effettuare ev. indagini strumentali, es. ecografia mirata.

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)