Utente 292XXX
Gentile dottore volevo sapere, a fronte della sua esperienza, se ci sono casi di "regressione motoria" dopo un discreto recupero post-ictus. E' quello che è successo a mio marito colpito un anno fa da ictus ischemico a seguito del quale ha riportato una emiplagia dx. Da camminare in maniera stabile e sicura e un pò falciante siamo arrivati negli ultimi 2 mesi a grosse difficoltà di equilibrio e una modifica dell'andamento del passo e nel poggiare il piede a terra molto evidente, nonostante non abbia mai interrotto la riabilitazione. Lui dice che si sente come se qualcosa lo stesse mangiando dentro nel lato plegico e non sa darsi pace perchè gli esami non evidenziano niente di anomalo. Oggi la fisiatra che lo curava nei primi mesi lo ha rivisto e alla luce di quello che mio marito le ha spiegato gli ha detto che esistono casi di persone colpite da ictus che dopo un buon recupero iniziale hanno un peggioramento inspiegabile, attribuibile all'evolversi della malattia e che purtroppo è quello che è successo a mio marito. Mi chiedo se sia stato un modo per tranquilizzare il paziente o è proprio vero che ciò che si recupera dopo l'ictus si può, in alcuni casi, improvvisamente perdere?. Grazie dell'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Roberto Morello

36% attività
0% attualità
16% socialità
SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT)
CALTAGIRONE (CT)
CATANIA (CT)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Buonasera,
Puó sicuramente capitare manio le consiglierei comunque una visita da uno specialista neurologo ed eventualmente l'esecuzione di un esame strumentale (TC o RM secondo cosa consiglierà il neurologo) per vedere se per caso ci fossero nuove lesioni cerebrali ischemiche.
Spero di esserle stato utile

Cordiali saluti
Dr. Roberto Morello
Medicina Fisica e Riabilitativa
DIU Médecine manuelle-Ostéopathie, Hôpital Hotel Dieu Paris
Ecografia muscolo scheletrica SIUMB

[#2] dopo  
Utente 292XXX

gentile dottore la mia domanda è sucessiva ad un breve ricovero ospedaliero in neurologia proprio per verificare quello che lei consigliava. Dalla tac non è risultato nessun nuovo evento ischemico, è praticamente identica a quella di una anno fa e il neurologo non ha ritenuto necessario fare una rm alla luce anche degli esami del sangue nella norma. Da qui nasce la mia domanda. Allora è vero che possono esserci casi di regressione diciamo "immotivata"?