Utente 858XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni ormai praticamente disperata... Vi espongo il mio problema e vi riferisco anche i risultati emersi dell'esame clinico e dalle indagini diagnostiche:
da più di un anno avverto un lieve senso di peso nella regionale inguinale sinistra. Faccio visite mediche di vario genere a prescindere da questa sensazione (visita ginecologica, analisi del sangue e simili...) e mai nessun medico avverte nulla di strano in quella zona. Finchè un bel giorno non mi vengono delle vere e proprie "scosse elettriche", tipo "stilettate" nella regione inguinale destra. Sono due di numero e durano un secondo. Le sottovaluto e passano altri due-tre mesi.
Durante l'estate, in seguito ad una torsione del busto seduta sull'asciugamano in spiaggia sento di nuovo una "stilettata" zona inguine-basso ventre destro.
I primi di settembre l'apocalisse. Passo una nottata con scosse fortissime nella suddetta regione inguinale, a intervalli di mezzora. Sembra come se ci sia un nervo che scarichi, con una scossa forte, e altre pià leggere che seguono. Il panico. Avevo fatto la visita ginecologica una settimana prima, quindi mi reco dal mio medico pensando che sia appendicite. Ma alla palpazione e con altri segni clinici si evince che non è quello. Io ho dei problemi posturali e una vita sedentaria, spesso mal di schiena, alle spalle, cefalea tensiva.... Il dottore mi manda a fare una lastra al rachide lombo-sacrale e al bacino, ma non emerge nulla di patologico. Intanto prendo un FANS per svariati giorni e gocce di Lexotan per tenermi un pò più rilassata e contrarre meno la muscolatura. Non cambia nulla, anzi dall'inguine il dolore si espande al fianco destro e vi si aggiunge una tipica lombosciatalgia. Passo successivo, dopo un'altra visita medica con palpazione dell'addome, RMN della colonna lombosacrale, per supposta ernia al disco lombare (il mio quadro è stato definito cruralgia, sciatalgia...). Dalla RMN non emerge NULLA. Io continuo ad avere male. Aulin e Feldene non mi fanno nulla, mi fanno solo muovere un pò meglio (in un periodo di pausa in cui non li prendevo quasi non potevo più piegarmi in avanti). Ma il fastido/dolore al fianco destro, al basso ventre e all'inguine restano tali e quali. Mi chiedo cosa possa essere. Una lesione muscolare? Una contrattura? Una lesione ai tendini? Cosa mi consigliate di fare? Un ecografia addominale? Sono preoccupata, a volte quella zona mi "tira" anche mentre urino, se "spingo" troppo i muscoli addominali per svuotare la vescica...
Grazie per l'ascolto, spero sia la sezione giusta, visto che un'implicazione muscolare c'è secondo me...
Saluti, Angela

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile Angela, il suo caso clinico è certamente anomalo, e non appartiene al comune caso di lombalgia e sciatalgia o cruralgia, come potrebbe essere, ma da come riferisce lei sintomatologicamente sembrerebbe una sindrome del ramo perforante del nervo ileo ipogastrico, o una delle sindromi di nervi sensitivi a partenza dal rachide dorso lombare, lombare ; sindromi che si manifestano con pseudovisceralgie, pseudo coxalgie,turbe pseudoginecologiche , pseudourinarie descritte da Robert Maigne ecc. ecc.
Non danno turbe motorie
Va valutato con esame clinico molto accuratamente il tutto e fatta una diagnosi precisa e chiara prima di e seguire un trattamento idoneo.
Ne ho parlato qualche volta in qualche consulto fornito, adesso non ricordo quando ed a chi , ma se lo trovo glielo indico.
Si faccia visitare oltre che da un ortopedico anche da un Fisiatra esperto di medicina manuale.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 858XXX

La ringrazio tantissimo per la risposta... Sono abbastanza angosciata... Qualsiasi cosa vorrà aggiungere la leggerò volentieri. Le domando un'ultima cosa. Secondo lei ha un senso che io faccio un ecografia addominale completa prima di rivolgermi a ortopedico/fisiatra? Giusto per scongiurare qualsiasi patologia viscerale? Oppure è già abbastanza chiaro così che si tratta di qualcosa di particolare ai nervi?
Grazie ancora per l'attenzione e la risposta "nuova" rispetto a quelle che mi sono state date fin'ora...