Transaminasi gpt

Salve. Gradirei avere un consulto medico su mia madre. Ha 50 anni e pesa circa 55-56 kg, altezza 1.60. Nel giorno 13/06/07 ha effettuato un esame di routine e si è riscontrato il valore del colesterolo alto di 7 punti rispetto alla media (Max 220). Dopo cinque mesi, mia madre ha di nuovo effettuato l'esame; Il colesterolo era di 225 anzichè il valore precedente 227, ma oltre a questo valore, che secondo i medici non è preoccupante perchè non è elevatissimo e poi normale per le donne in menopausa, si è riscontato un atro valore alterato di 8 punti: TRANSAMINASI GPT. Il valore nel novembre 2007 era di 44, anzichè un massimo di 36. tra qualche giono mia madre dovrà ripetere gli esami, però in realtà si è un pò preoccupati, perchè in famiglia molte persone hanno sofferto di cirrosi epatica, come mio nonno morto di epatite B e anche molti dei suoi fratelli. Tengo a precisare che mia madre non bene assolutamente, non fuma e beve 2 caffè al giorno, in più è solita fare una dieta povera di grassi, avendo in casa fra l'altro un diabetico. Spero di essere rassicurata in questo senso...Grazie mille.
[#1]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4,6k 139 94
Gentile signora,
l'ipertransaminasemia lieve isolata (come nel caso di sua madre) può essere espressione di citolisi (come nell'epatite), ma può essere presente in caso di sovraccarico metabolico del fegato, di impegno delle vie biliari (per esempio calcoli asintomatici) o legato all'assunzione di farmaci.
Il comportamento più corretto da seguire è quello consigliatole: ripetere la determinazione delle transaminasi insieme alle altre analisi che esplorano la funzionalità epatica (LDH, fosfatasi alcalina, quadro proteico, bilirubinemia, tempo di protrombina, emocromo...) e ai markers per l'epatite. Se dovessero confermarsi i valori alterati sarebbe utile una ecografia epatobiliare.
Cordiali saluti.

Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore, la ringrazio per la sua tempestiva risposta. Effettivamente mia madre accusa dei bruciori nella zona lombale, vicino ai reni. Forse questo brucire è causato da calcoli? Sono molto ignorante in materia, quindi mi scuo in anticipo se qualche mia considerazione possa sembrarLe assurda. In ogni caso, il medico le ha perscritto delle punture "disintossicanti"; ha appena finito la serie di medicine e tra qualche giorno rifarà le analisi.
[#3]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4,6k 139 94
Gentile signora,
l'ipotesi di calcoli renali (anche se pertinente) non ha relazione con problemi di pertinenza epatobiliare. Attendiamo il risultato delle analisi.
Cordiali saluti.
[#4]
Attivo dal 2006 al 2008
Oncologo, Medico legale
Gentile utente


le consiglio di effettuare le analisi ed un esame ecografico renale

in accordo con il suo curante.

Le sarei grata se potesse chiarirmi su" punture disintossicanti".

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa