Pallina sul collo

salve, ho notato una "pallina" sul lato sinistro del collo, quasi fosse sopra l'arteria; me ne sono accorto quest'estate e fino ad oggi l'ho trascurata, forse ingenuamente, principalmente perchè piccola e asintomatrica ( almeno credo, ma me ne accorgerei suppongo), secondo poi perchè nel mese di gennaio scorso ho effettuato un check up completo tra cui analisi del sangue, urine e radiografia alla tiroide, nonche anche una ecografia del cranio per un apparecchio ai denti(ortopanoramica); ora, è possibile che non si siano accorti di qeusta pallina, o che non mi abbiano detto nulla perchè non è nulla, o che si sia effettivamente creata subito dopo le analisi (datate febbraio 2007)?noto che la mattina appena sveglio possa essere + ingrossata rispetto al resto della giornata, sembra quasi far parte della vena perchè è praticamente attaccata e non riesco a delimitarla; sembra essere di consistenza non eccessivamente rigida e di diametro sicuramente inferiore al centimetro..

Devo tornare a farmi visitare? sono un po' preoccupato, perchè mi smebra assurdo dopo essermi sottoposto al check up...Grazie dell'attenzione...
[#1]
Dr. Carlo Borrelli Medico di base 7
non è del tutto chiaro se è stata effettuata una ecografia oppure una ortopanoramica che non chiarirebbe la natura della lesione. mancano - peraltro- alcuni dettagli importanti dal punto di vista clinico quali la consistenza, la dolorabilità, la mobilita' sul piano cutaneo, la evoluzione. una ecografia dovrebbe derimere i dubbi

[#2]
dopo
Utente
Utente
innanzitutto grazie per la tempestiva risposta: sono state effettuate una ortopanoramica ed una ecografia alla tiroide esattamente;
è piccola, ma sembra quasi il rigonfiamento della vena, giacchè non riesco a circoscriverla; non procura affatto dolore (quantomeno, non a livello avvertibile); è molto piccola, diciamo inferiore al centimetro di diametro; non è dura, ma abbastanza molle e sembra variare di dimensioni quando inspiro aria( diventa più piccola), mentre al mattino appena sveglio sembra leggermente più grande; direi che fondamentalmente non si muove restando appoggiata all'arteria; nel corso degli 8 mesi non ha subito alcuna modifica rilevante dal mio punto di vista; può essere un linfonodo ingrossato o effettivamente un ingrossamento della vena?

premetto che non ho sofferto febbre, nè perdita di peso: un anno fa ho tolto un dente proprio su quel lato, ma essendo passato così tanto tempo non so se sia importante ai fini del quadro;

grazie per l'attenzione
[#3]
Dr. Bruno Dell'Aquila Medico di medicina generale 41 2
che ha detto il suo medico dopo averlo palpato?
quali sono le dimensioni del linfonodo?
è dolente?
Comunque in pratica i linfonodi laterocervicali a 28 anni sono quasi sempre benigni specie se di piccola dimensione.
Spesso dopo alcune settimane si riduce di dimensione e diviene non palpabile.

[#4]
dopo
Utente
Utente
non sono andato...accorrerò se è il caso; non sono sicuro sia un linfonodo, l'ho ipotizzato io, se mi escludete un ingrossamento della vena sarà quello: ho 27 anni, non è dolente e, non so cosa intendiate per piccole dimensioni, ma calcolate che si nota solo se giro il collo verso destra e lo cerco, per quanto riguarda la grandezza sarà sicuramente inferiore al centimetro di diametro...

mi sto impanicando leggendo alcune risposte...
[#5]
Dr. Bruno Dell'Aquila Medico di medicina generale 41 2
L'impanicamento è sicuramente immotivato.
Si rechi dal suo medico di medicina generale senza "accorrere" non v'è alcuna "urgenza".
Il suo errore è il faidate con l'ausilio di internet. In Italia si ha gratuitamente a disposizione quella risorsa medica che è il medico di famiglia, c'è chi ne abusa senza ritegno e chi neanche lo prende in considerazione. Ci vada e si faccia visitare, sara lui a decidere se la cosa è importante o meno.
Un "pallino" non può essere comunque una vena o un vaso sanguigno, e 1 centimetro è la misura tipica di un linfonodo benigno.
[#6]
dopo
Utente
Utente
se il suo scopo era tranquillizarmi, caro dottore, c'è in gran parte riuscito e di questo la ringrazio, sperando che effettivamente il panico sia immotivato; ciò non toglie che, abbastanza celermente andrò dal mio medico curante a farmi visitare. ultimo appunto, se per caso sta ancora leggendo: potrebbe essere una cisti di grasso?


non so sperare nel linfonodo benigno o nella cisti di grasso... :(
[#7]
Dr. Bruno Dell'Aquila Medico di medicina generale 41 2
perchè no?
[#8]
Dr. Carlo Borrelli Medico di base 7
pensare ad un diverticolo esofageo non è cosa peregrina. provi ad effettuare una esofagogastroscopia
[#9]
Dr. Bruno Dell'Aquila Medico di medicina generale 41 2
Naturalmente sta scherzando ;-))
spero...

un pallino laterocervicale e un diverticolo esofageo sicuramente non sono correlati.

vada dal medico che la visita.
Le ipotesi vengono dopo.
[#10]
dopo
Utente
Utente
non sapendo la gravità delle due cose...

mi auguro solo che non sia nulla di grave tutto qui...

tenderei ad escludere il diverticolo non riconoscendone minimamente i sintomi, ovviamente da quel poco che posso sapere, ma non ho tosse...

grazie a tutti per le risposte
[#11]
Dr. Salvo Catania Oncologo, Chirurgo generale, Senologo 31,6k 1,2k 77
Tenderei anche io senz'altro ad escludere il diverticolo esofageo e
tenderei...a non fare autodiagnosi spazzolando sulla rete informazioni di difficile interpretazione con il risultato di accrescere solo lo stato di ansia !

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#12]
dopo
Utente
Utente
appena tornato dal medico, che ha palpato e sentito; mi ha detto di fare un'ecografia al collo ma dice di stare tranquillo al 100% e che questo esame serve per la conferma definitiva; secondo lui è una ghiandoletta infiammata...assolutamente non un linfonodo...
cosa cambierebbe nella sostanza?
[#13]
Dr. Bruno Dell'Aquila Medico di medicina generale 41 2
nulla.
linfonodo=linfoghiandola.
internet da' tante informazioni, ma non fornisce l'ABC.
Delle piccole linfoghiandole infiammate ai lati del collo sono un reperto comune e abitualmente privo di significato.
E' probabile che se gli da' tempo sparisca da sola (se la palpeggia frequentemente invece può continuare ad infiammarsi).
Un esame emocromocitometrico comunque non guasterebbe, anche se ripeto, sicuramente verra' normale.
[#14]
dopo
Utente
Utente
grazie ancora.posterò l'ecografia per comunicarvi i risultati.
nel farttempo eviterò accuratamente di continuare a palpeggiarla.
[#15]
dopo
Utente
Utente
attendo ancora i risultati: nel frattempo ho recuperato una ortopanoramica che mi diagnostica una disodontiasi degli ottavi inferiori?Potrebbe essere in qualche modo correlata??La mia ghiandoletta, nel frattempo, continua a ridursi e ad ingrandirsi (sempre entro dimensioni inferiori al cm ) senza particolari motivazioni, può essere un sintomo di reattività?
[#16]
dopo
Utente
Utente
Risultati ecografia:

"A sx, a livello della mandibola, in sede sottomandibolare si apprezza una formazione ovolare solida omogenea di circa 8 mm di diam max, da riferire a linfonodo di grandezza aumentata di tipo aspecifico.
In corrispondenza delle stazioni linfonodali laterocervicali si apprezzano alcune altre piccole formazioni nodulari ipoecogene, millimetriche, con caratteristiche simili, anch'esse riferibili a linfonodi di grandezza aumentata".

Posso chiudere questa storia, dottori???
[#17]
Dr. Salvo Catania Oncologo, Chirurgo generale, Senologo 31,6k 1,2k 77
Mi intrometto nella discussione solo per allegarle questo link
per un approfondimento sperando di tranquillizzarla ulteriormente.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-i-linfonodi-o-linfoghiandole-le-adenopatie-ed-il-sistema-linfatico.html
[#18]
dopo
Utente
Utente
cavoli, ho cercato per mesi informazioni del genere...;)
per quanto riguarda il caso specifico, dottore, la sua risposta al referto ecografico qual'è???
pare che dovrò tenermelo comunque a vita quel linfonodo se si è cronicizzato: meglio così, sarà il mio portafortuna...
[#19]
Dr. Salvo Catania Oncologo, Chirurgo generale, Senologo 31,6k 1,2k 77
Buona fortuna allora !
[#20]
dopo
Utente
Utente
grazie, dottore...
qualcuno può tradurmi il referto???
qui i linfonodi sono sempre al loro posto, mi chiedevo se ipoecogeno fosse una condizione normale del linfonodo...
l'ecografista aveva detto che era reattivo ma ha scitto aspecifico, il medico di base ha confermato la cronicizzazione del linfonodo...
devo tenere comunque la situazione sotto controllo ripetendo l'esame ecografico o posso smetterla di pensare al linfonodo?
non è semplice svegliarsi la mattina e sentire sempre quella pallina..forse disturbo solo il vostro lavoro ma gradirei un ulteriore parere sul riscontro ecografico...è passato più di un anno da quando ho percepito per la prima volta la neoplasia...

grazie e a presto...

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa