Utente
gentili dottori
vorrei chiedervi dei consigli circa mio padre 57 anni e fumatore.
A causa di alcuni fastidi al collo utilizza molto poco il braccio sinistro. A causa del fastidio non riesce ad imprimere neanche forza.
Però utilizza parzialmente il braccio a lavoro e a casa quando ad esempio lava i piatti ho posa qualche utensile.
Per lo più ha la mano sempre in tasca.
Questo problema dura da circa 14 mesi ininterrottamente, ma ultimamente ho notato alcune cose che mi fanno un po preoccupare.
Lo vedo poco attivo in quanto trascorre la maggior parte della giornata sul Divano e per lo più e sempre molto nervoso.
ultimante di sera ha spesso gli occhi arrossati, e una cosa che ho notato e che i muscoli sotto il mento hanno perso consistenza, tanto e vero sembra che sia gonfio.
e se provo a toccare noto che è molliccio.
A volte ha piccoli colpetti di tosse con pochissimo o nessuna emissione di espettorato.


5 mesi fa ha avuto anche una fortissima cervicalgia che gli impediva di muovere il collo e il braccio e sentiva delle fortissime fitte che diceva sembravano coltellate


Comincio un po a preoccuparmi in quanto andando su internet ho visto sindromi come quelli di pancoast.
Potreste darmi un indizio su chi rivolgermi e inoltre i sintomi suddetti sono preoccupanti?


Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto cordialmente

[#1]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
capisco che Lei possa essere molto preoccupato per la salute del suo genitore, ma non è spostando la domanda tra le diverse aree specialistiche (Oncologia medica, Neurochirurgia, Medicina generale) che lo stato clinico di suo padre si modifica !; Più pareri da parte di specialisti diversi, che comunque NON hanno modo di VISITARE il paziente, potrebbero far aumentare la sua preoccupazione. Del resto, gli Specialisti del sito che mi hanno preceduta sono giunti alla stessa conclusione: convinca Suo padre a sottoporsi a visita presso il Vostro medico di fiducia che potrà, eventualmente, indirizzarlo presso Specialista Specifico.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#2]  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile utente, ha provato a sottoporre Suo padre ad una visita oculistica? Esiste un riflesso che coinvolge il collo nella visione (riflesso cefalo-oculo-giro) praticamente quando si segue con lo sguardo una cosa il collo gira il capo in quella direzione. E' possibile che se i meccanismi della visione sono alterati anche il collo ne risenta. Per caso dai sei mesi ad un anno prima ha mica fatto lavori odontoiatrici, cambiato gli occhiali, avuto cadute (magari con colpo di frusta)?
Saluti
Daniele Tonlorenzi
https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#3] dopo  
Utente
Gentile Dottor Tonlorenzi.
Circa 5 giorni fa ha effettuata una visita oculistica, ma non ha notato niente.
Nel caso in cui avesse avuto miosi,Ptosi o Plpetosi, l'oculista se ne sarebbe accorto?

Un 7-8 mesi fa ha effetuato alcuni lavoretti ai denti ed ha avuto anche alcuni punti di sutura.

ma cosa potrebbe essere quel gonfiore sotto il mento?


La ringrazio ancora per la risposta e la saluto cordialmente.

[#4]  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile Utente, è possibile avanzare ipotesi (come ho fatto) però avere diagnosi come Lei chiede no. La gestione del caso clinico di Suo padre necessita di un medico clinico che esclude via via tutte le possibili cause, partendo dalle più importanti, alle meno importanti. Segua il consiglio della dottoressa Morelli, scelga un medico di fiducia (che in situazioni normali dovrebbe essere il medico di famiglia) e si faccia indirizzare da Lui. Il suo buon senso, la sua laurea, la sua esperienza eviteranno di poter fare danni. Si deve comprendere tutte le possibili cause della tosse, del gonfiore sotto il collo, ecc. con delle indagini che il medico di famiglia saprà prescrivergli dopo un'accurata visita. La postura e la gnatologia possono venire dopo. SOLO DOPO.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente
Gentili Dottori

di seguito indico il referto della rx torace data a mio padre.

SU TUTTI GLI AMBITI POLMONARI ACCENTUAZIONE DELLA TRAMA VASCOLARE
NON SEGNI DI LESIONI PARENCHIMALI INFILTRATIVE IN ATTO
DIAFRAMMA REGOLARE NEL PROFILO CON SENI COSTO-FRENICI LIBERI
OMBRA CARDIO VASCOLARE NEI LIMITI MORFOLUMETRICI

Potresti indicarmi l'esito?

Saluti

[#6]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
La valutazione di una radiografia del torace non si basa SOLO sulla lettura del referto ma necessità di una visione diretta dei radiogrammi. Comunque, per tranquillizzarla, in base a quanto da Lei trascritto, la radiografia del torace effettuata da Suo padre, è NEGATIVA per la presenza di neoplasie (..non segni di lesioni parenchimali infiltrative in atto…). Per quanto riguarda ‘accentuazione della trama vascolare’ potrebbe essere dovuta a calcificazione dei vasi in relazione all’età ed al fumo. Al fine di una più corretta valutazione Le consiglio di fare visionare i radiogrammi al Vostro medico curante.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli