Utente
Salve sono un ragazzo di 26 anni pratico sport da qunado ero piccolo (calcio) ma da ottobre 2012 ho iniziato ad accusare un fastidio nel dietro coscia sotto il sedere e sono andato avanti così per circa 2 mesi facendo qualche tecar dal fisioterapista pensando fosse un affaticamento dovuto anche al lavoro che faccio (ho un agraria e alzo pesi tutti i giorni) solo che non riuscivo mai a finire le partire e il dolore non riuscivo bene a localizzarlo si irradiava dal dietro coscia pube testicolo sinistro addome schiena e osso sacro.
quindi mi sono fermato e ho fatto delle sedute dall'osteopata pensando fosse una pubalgia e avevo dei problemi di postura ho fatto circa 8 sedute e ho avuto un leggero miglioramento dovuto anche al riposo.
a febbraio ho ricominciato gli allenamenti e sembrava andare tutto bene soloil giorno dopo il secondo allenamento a lavoro mi si è bloccata la schiena alzando un prodotto (da 1 kg e io alzo tutti i gg pesi da 10 25 50 kg) sono riandato dall'osteopata mi ha sbloccato e il sabato ho giocato durante il riscaldamento è andato tutto ok poi ho giocato 10 minuti e sono dovuto uscire con i soliti dolori.
quindi sono andato a fare una ecografia e mi sono state riscontrate due punte d'ernia + pronunciata a destra. ho fatto la visita da un chirurgo e mi ha detto che le ernie non ce l'ho e mi ha detto di stare a riposo.
la scorsa settimana sono andato a fare una corsetta per vedere come stato risultato stessi dolori
adesso che dovrei fare????????
ho fatto l'impegnativa per fare le analisi per vedere se ho qualche infezione
che dite è meglio fare un'altra risonanza o cosa
il problema è che non posso neanche lavorare bene con questi dolori che a distanza di una settimana ancora ho

[#1]  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

purtroppo ha impostato male l'iter diagnostico-terapeutico, con perdite di tempo prezioso, rivolgendosi a fisioterapista, osteopata, chirurgo...

Eviti di prendere ulteriori iniziative personali e contatti al più presto lo specialista Ortopedico di fiducia.


Cordiali saluti.
Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!