Utente

Egregi Dottori buonasera,
Vorrei approfittare per chiedervi un vostro autorevole parere circa la patologia di cui sono affetto, ipertrofia prostatica benigna.

A gennaio di quest'anno, mediante ecografia apparato urinario mi veniva rilevato un aumento della prostata pari a 55 CC di volume e circa dopo un mese, a fine febbraio, attraverso un'uretroscopia è stato accertato:

"uretra normale, la posteriore è deformata da due voluminosi lobi laterali della prostata."

A questo punto cosa mi consigliate di fare?

Considerando che la mia età è di 83 anni.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
se la sua prostata iperplasica non le procura fastidi nel mingere, o numerosi risvegli notturni e se ha eseguito una valutazione del residuo post minzionale e una ecografia prostatica transrettale, assieme all'esame clinico, e tutto è "tranquillo", considerando la sua età si potrebbe prendere in considerazione l'uso di Finasteride o Dutasteride che riducono il volume prostatico.
Tale decisione, tuttavia, deve essere adottata dall'Urologo e solo da lui, dopo aver valutato la situazione nel suo complesso.
Se invece abbia sintomi che inficiano la qualità di vita, che le auguro ancora molto lunga, il ricorso all'Urologo diventa determinante per la scelta terapeutica, medica o chirurgica endoscopica, da attuare.
Se vuole può tenermi informato.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dott. innanzitutto le esprimo il mio più sentito ringraziamento per la sua preziosa consulenza professionale.
Per tenere sotto controllo il mio PSA, attualmente 3,21ng/ml assumo la mattina Avodart 5 mg e il pomeriggio intorno alle ore 19,00 Unoprost 5 mg e grazie ad essi, i valori sono nella norma, però, devo aggiungere che all'inizio di quest'anno, l'urologo dopo l'esito dell'esame cistoscopico propose intervento chirurgico "La Turp" il quale mi risulta essere, ad effetto invasivo a differenza del moderno "Green Laser". Lei cosa mi consiglia a riguardo? E qui in Italia a quale struttura sanitaria di eccellenza devo rivolgermi?
In attesa di un suo gentile riscontro, la ringrazio sentitamente e colgo l'occasione per porgere distinti saluti.

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
E' da valutare se l'intervento di TURP sia nel suo caso migliore di un intervento con il laser. E se quest'ultimo in lei sia indicato.
Una TURP eseguita da mani esperte è un intervento non invasivo e i pazienti che vi si sono sottoposti hanno ottenuto un'ottima ripresa funzionale.
Non conosco le sue possibilità di movimento: se ha modo di andare a Milano le consiglio senz'altro lo IEO, in particolare la Urologia diretta dal prof. De Cobelli.
Potrebbe prenotare una visita con il dott. Deliu Victor Matei o con il dott. Gennaro Musi.
Se non può spostarsi me lo faccia sapere.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola