Utente 251XXX
Buonasera, vi scrivo per avere il vostro parere su una paura che mi trascino da ieri, nello specifico, in casa per pranzo sono stati cucinati dei funghi porcini o almeno ritenuti tali con della pasta, a circa tre ore ho avuto dei rumori intestinali, essendo una persona ansiosa sono stato assalito da forte ansia ho subito iniziato a pensare ad un intossicazione data da ciò che avevo mangiato, a questo si sono aggiunte feci molli ma non liquide o che necessitassero di raggiungere il bagno con urgenza. A cena ho avuto in fase iniziale inappetenza e durante la notte ho avuto del tremore dovuto molto probabilmente all'ansia. questa mattina i rumori intestinali si sono ripresentati, con qualche incostante leggerissima punta i dolore negli attimi di transito intestinale con feci come il giorno precedente ma presentanti residui non correttamente digeriti (un unica evacuazione durante la giornata di oggi), inoltre c'è sempre un leggero senso di nausea/inappetenza senza mai aver bisogno di rimettere . In questo momento ho misurato la temperatura corporea che è risultata di 37,4°C quindi una leggera febbre, al che ho chiesto a gli altri membri della famiglia se avessero avuto sintomi durante l'arco di tempo tra il pranzo di ieri e quello di oggi, ma loro non hanno avuto gli stessi problemi pur avendo mangiato la stessa pasta(di cui o poi conservato gli avanzi non consumandoli) sostenendo che se fossero i funghi avrei avuto sintomi più pronunciati di quelli descritti e che forse i miei sintomi fossero legati all'ansia. Volevo avere un vostro pare medico sul fatto che questi sintomi siano compatibili con uno stato ansioso e non di intossicazione? Avendo avuto in passato dei casi che poi si sono rilevati essere generati da ipocondria ho chiesto il vostro parere al fine di andare in pronto soccorso per vera necessità e non per paura, ovviamente se i sintomi dovessero intensificarsi con vomito o altro mi recherò in pronto soccorso.
Vi ingrazio per la disponibilità
Saluti

[#1]  
44918

Cancellato nel 2018
Mi pare ovvvio che se tutto il resto della famiglia non ha sintomi lei non ha avvelenamento da funghi.
Diversamente sareste ricoverati in blocco.
Perciò si tranquillizzi e dai sintomi che descrive si convinca che è probabile che abbia contratto la forma virale che sta imperversando in Italia con l'arrivo del freddo e che colpisce l'apparato gastro -intestinale.
Non ha bisogno del P.S.
Se è solito usare un asiolitico quando ne ha necessità, lo prenda pure e domani vada dal curante.
Mi faccia sapere se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 251XXX

Non ho mai utilizzato ansiolitici in quanto la mia ansia non è frequente e abitudinale , il più delle volte è legata alla scarsa conoscenza di problemi relativi alla salute. La stessa si riduce dopo aver consultato uno specialista. La ringrazio per la celere risposta al mio consulto.

[#3]  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla.
Sia sereno.

Buona serata,
Dott. Caldarola.