Utente
Salve Gentilissimi Dottori,
Vi scrivo per conto di mio zio (50 anni circa, fuma si e no 1/2 sigarette al giorno , praticamente non beve e fa attività fisica come ciclista una volta alla settimana ).
Da qualche giorno accusa a sprazzi in maniera occasionale delle fitte alla testa (zona dx della parte dietro), una leggera pesantezza agli occhi e una lievissima perdita di memoria di eventi passati comunque nel medio-lungo termine.
Premesso che è un periodo particolarmente "pesante e stressante" per lui caratterizzato oltre che dal lavoro tradizionale anche dall'acquisto di una nuova casa e relativo trasferimento in un'altra città con tutto ciò che esso comporta e che sicuramente rende più stressante il momento.
Ora mi chiedevo se questi leggeri sintomi possano essere accostati a questo momento particolare di stress, se (sopratutto per la lieve perdita di memoria) possa essere assimilata ad un normale e fisiologico "andare in là con l'età" oppure ci possono essere i presupposti per indagare più a fondo con i vari controlli... è una persona ansiosa e mi ha chiesto di scriverVi per suo conto!
PS.il medico di base qualche tempo fa gli disse che era tutto ok e che le fitte alla testa così occasionali sono "normali" ed infine avrebbe dovuto indagare più a fondo solo se la situazione si fosse intensificata.
Grazie mille per l'attenzione
In attesa di una vostra risposta, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Guardi a 50 anni un disturbo della memoria remota non si può ascrivere allo stress fino a che non si dimostri che a livello encefalico, sia parenchimale che circolatorio, non vi sia nulla di organico.
I disturbi della memoria sono spesso sintomo di importanti patologie cerebrali.
Urge, che al di là del superficiale consiglio del medico curante, suo zio che ha appena 50 anni, o si sottoponga con il placet del Curante, a una RM con mdc dell'encefalo e in corso di esame ad una angio RM del circolo arterioso intracranico, nonchè ad un color doppler dei tronchi sovraortici (T.S.A color doppler) o vada a visita da un Neurologo che probabilmente consiglierà gli stessi esami.
Tempo da perdere ulteriormente non ce n'è.
Faccia sapere se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio della pronta risposta.
In un eventualità di assenza di perdita di memoria, magari ascrivibile ad una semplice non ricordanza di alcuni eventi (come è normale che sia ) ... I primi due sintomi , in particolare le rare ed occasionali fitte alla testa posso essere segno di qualcosa di grave a livello neuronale oppure posso esser circoscritte al mero stress ?
Grazie nuovamente per l'attenzione
Cordialmente

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Signore gentile,
di mero stress si può parlare quando si sia esclusa qualunque causa organica.
Se suo zio dimentica le cose vi è dimenticanza e dimenticanza: se non si ricorda cose che dovrebbero essere impresse nella memoria remota penso che il mero stress di cui parla non c'entri alcunchè! Fino a prova del contrario.
Se non si ricorda eventi di importanza minimale la situazione cambia.
Perciò lo porti a visita da un Neurologo competente il prima possibile.
Se vuole faccia sapere.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio davvero per la tempestività della risposta . Seguirò il suo consiglio.
Buona serata saluti