Attivo dal 2017 al 2017
Salve ho 29' anni, vorrei sapere quanto effettivamente sono utili gli integratori a base di mirtillo, centella, Rusco, ippocastano ecc per il microcircolo e la pesanteZza e dolorabilita degli arti inferiori data da ritenzione idrica e iniziale insufficienza venosa. E poi vorrei sapere se invece tecniche come linfosrenaggio e pressoterapia servono o solo soldi buttati. Io cerco soprattutto qualcosa per il fastidio che per il lato estetico visto che sto molto in piedi il giorno e la sera le gambe sono ko

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
cara Signora,
se lei tutto il giorno sta in piedi (od anche seduta), pressocchè immobile, potrà assumere tutta la farmacopea dei prodotti "venotonici" ma stia tranquilla che le gambe la sera se le ritroverà gonfie.
Perchè pur ammettendo un perfetto ritorno venoso e una continenza delle valvole venose, che può verificare con un semplice ecodoppler venoso degli arti inferiori, la colonna ematica "pesa" e induce stravaso di plasma nell'intersizio.
Provi a fare, se la situazione lo consente, degli esercizi mentre sta in piedi come sollevarsi sulle punte con regolarità, oppure provi a contrarre i polpacci o a spingere alternativamente con una gamba sul polpaccio.
Ma non si aspetti miracoli, come non se li aspetti da pressoterapia, linfodrenaggio ecc.
L'unico presidio che può contrastare l'edema sono delle calze elastiche: ma la loro prescrizione deve essere fatta dall'angiologo perchè i gradi di compressione devono essere valutati attentamente in base al quadro clinico.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Attivo dal 2017 al 2017
Gentile dottore, ho eseguito un doppler ed era negativo però l'Angiologo ha detto che il microcircolo non si può studiare attraverso il doppler ma che comunque c'è un'iniziale insufficienza venosa dati i seguenti elementi: capillari spezzati, teleangectasie, cellulite e ritenzione idrica nonché formazione di lividi. Purtroppo mangio saporito e faccio scarsa attività fisica, o meglio sto molte ore in piedi e camminando dato il lavoro ma non credo sia ascrivibile ad attività fisica. L'angiologo mi ha detto che solo la sclerosante potrei fare ma il mio medico mi ha detto che esistono drenanti e tante altre cose. Quindi lei mi consiglia che forse è meglio chiedere un altro parere angiologico?

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
la rimozione delle teleangectasie non la pone certamente al riparo dalla comparsa di una insufficienza venosa cronica.
Chi è questo angiologo un estetista?
Vada da un Medico specialista in disturbi del circolo venoso che si interessi di curare i vasi e non di incassare soldi con terapie sclerosanti o con luce laser che hanno un fine meramente estetico.
Mangi meno sapido, ovviamente e beva almeno 2 litri di acqua al giorno.
I drenanti fanno bene a chi li produce, al Farmacista e non di rado a chi li prescrive: non certo al paziente.
ovviamente nella sua situazione i diuretici sono assolutamente controindicati.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola