Utente
Salve,
sono una ragazza di 21 anni e da circa un mese e una settimana, ho un linfonodo ingrossato sul lato destro del collo.
Il mio medico curante, non preccupandosi del linfonodo, visto che era morbido e mobile al tatto, e non mi faceva male, mi ha prescritto degli integratori (Mirliflog) perché l'unico sintomo che avevo era del dolore al collo. Col passare delle settimane il dolore mi era passato, ma il linfonodo invece di rimpicciolirsi sembrava aumentare. Ho fatto un ecografia e un emocromo,sotto consiglio del mio medico. Ma dalle analisi i risultati erano perfetti... mentre dall ecografia era uscito fuori che avevo effettivamente un linfonodo di circa 14 mm lievemente tumefatto.
Col passare del tempo, essendo qualche mese prima stata in contatto con un malato di tb, che aveva un linfonodo ingrossato sul collo, ho fatto il test di mantoux e la lastra al torace, ma è risultato tutto negativo.
Il medico che mi ha fatto il test, preoccupato del linfonodo me lo ha toccato ed ecografato dicendomi invece che il linfonodo non era affatto morbido, ma duro. Ha controllato con l'eco la tiroide, lo stomaco, la milza, e la cistifellea senza però trovare nulla a parte un paio di calcoli alla cistifellea.
Mi ha prescritto altre analisi, e ora sto aspettando i risultati. In questi giorni di attesta ho avuto dei capogiri, e misurando la pressione dopo aver mangiato (io soffro di pressione bassa) l'avevo mooolto più bassa del solito: 60-91 (visto che solitamente dopo mangiato dovrebbe essere leggermente più alta)
Sono un po' preoccupata, qualcuno ha qualche idea di cosa io possa avere? Potrei escludere cose gravi, tipo linfomi, leucemia, tumori etc?
Grazie a tutti in anticipo:)

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Cara signorina,
sconsiglio sempre di fasciarsi la testa prima di rompersela.
Ovviamente sul linfonodo non le posso dire nulla, nell'impossibiltà di valutarlo direttamente.
Potrebbe invece essere lei a fornire più elementi riportando per esempio i referti delle ecografie che sono state eseguite.
Inoltre è utile attendere il risultato degli esami effettuati serenamente senza formulare prognosi catastrofiche sulla base dell'ansia anticipatoria e di un linfonodo che, mi pare di capire, non eccede 1,5 cm di diametro massimo.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola