Utente
Salve, volevo chiedere un parere riguardo un sintomo che di tanto in tanto accuso durante i pasti ma in particolar modo la cena.
Per qualche secondo come la sensazione di mancanza di respiro e magari accaldamento in viso (non so se per paura) dopodichè inizia la sensazione di rigurgito ma non vomito del cibo.....bevo e sembra tutto passato però se continuo a mangiare si fa viva sempre la sensazione di rigurgito.

Ciò non accade sempre e se può essere utile sembra che quando ai pasti accompagno la coca cola posso mangiare anche in quantità senza nessuna sensazione strana!

Può essere legata ad una patologia in particolare e o può incidere ad esempio lo stress con cui si affronta il pasto o cos'altro??

Grazie mille

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Normalmente ci sono un paio di possibili spiegazioni ai disturbi che lei descrive: la prima e' di competenza cardiologica, per cui la invito a contattare i Colleghi dell'Area Specialistica in questione. La seconda puo' essere esposta ad uno Specialista Gastroenterologo che possa visitarla, il quale potra' rilevare (o escludere) un rallentato svuotamento gastrico o un malfunzionamento dello sfintere esofageo inferiore.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Salve e grazie innanzitutto per la risposta.

Riguardo alle sue indicazioni posso dirle che per un precedente problema cardiologico in via di risoluzione sono in cura farmacologica con 2x Rytmonorm 325 e 1 Cardioaspirina 100 al dì. Di conseguenza negli ultimi 4 mesi ho effettuato una ecocardiografia e due elettrocardiogrammi senza nulla di anormale da rilevare, pertanto direi che è da escludere il quadro cardiologico da questi sintomi?

La cosa strana è che non mi era mai accaduto prima e saltuariamente sta succedendo negli ultimi mesi specie alla cena, tanto magari da indurmi a pensare che fosse dovuto a stress o cose simili.

In base a ciò comunque, il mio medico di famiglia mi ha consigliato l'assunzione per un periodo di 1 X Lansozprazolo 15mg cambiando però ben poco la sintomatologia.

Grazie mille

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non e' nei miei poteri poterle escludere patologie di ordine cardiologico, sia perche' non l'ho visitata sia perche' non sono cardiologo. Del resto i sintomi che descrive sembrano di recente insorgenza, quindi successivi ai suoi controlli Specialistici.
Tuttavia non nego che dal punto di vista probabilistico, anche in relazione alla sua giovane eta', ritengo piu' verosimile una diagnosi di tipo gastroenterologico, del tipo di quelle gia' citate. Un approfondimento in tal senso parrebbe dunque opportuno: si potrebbe cosi' anche capire se il lansoprazolo sia davvero utile ed eventualmente se le dosi che attualemente assume sono adeguate o meno.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
No i controlli cardiologici li feci già durante l'insorgenza saltuaria dei sintomi descritti.

Ho fatto nel frattempo anche analisi del sangue e radiografia alla cervicale su prescrizione del medico di famiglia per andare ad esclusione e mi sa che se dovessero continuare questi sintomi, l'unica visita che mi rimane da fare per venirne a capo è quella gastroenterologica così come da Lei consigliato oppure davvero non so più che pensare.

Grazie mille e buona giornata.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Infatti. Si sottoponga ad un consulto da un Gastroenterologo, poi se crede ci faccia sapere il suo punto di vista.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com