Utente 154XXX
Salve. In seguito a linfonodi del collo continuamente ingrossati da due anni, non sapendo più cosa fare mi sono state prescritte nuove analisi che riporto
EMOCROMO CON FORMULA

leucociti 3,9-10,6 risultato 5,o4
eritrociti 4,00-6,20 risultato 4,48
emoglobina 12,40-17,00 risultato 13,30
ematocrito 37,00-52,00 risultato 40,6
Volume corpuscolare medio 78,00- 96.00 risultato 90, 60
Contenuto emoglobinico medio 28,00-34.00 risultato 29,70
Concentrazione emoglobinica media 32,00- 37,00 risultato 32,80
Val.distribuz.globuli rossi 11,50- 14,50 risultato 13,30
FORMULA LEUCOCITARIA

granulociti neutrofili 43,00-75,00 risultato 43,10
linfociti 20,00-45,00 risultato 46 *
monociti 0,00-9,00 risultato 9,50 *
Num.linfociti 0,70- 5,00 risultato 2,32
Num. monociti 0,10-1,00 risultato 0,48
Num. granulociti neutrofili 1,50-8,00 risultato 2,17
Num. gran. eosinofili 0,00- 0,50 risultato 0,05
Num. gran. basofili 0,00- 0,20 risultato 0,02
Piastrine 150- 400 risultato 180
Volume piastrinico medio 6.00- 14,00 risultato 11,20

Proteine totali 6,0-8,0 ris. 7,5
AST 0-41 ris. 16
ALT 0-41 ris 14
Latticodeidrogenasi <248 ris. 145
CPK 0-170 ris. 48
IGE totali 0-100 ris. 46
TAS 0-200 ris. 25
PCR proteina C reattiva 0-5 ris. 0,2

URINA
Ph 5.5
Trasparenza Limpida
Albumina 0-20 ris. 0
Peso specifico 1.014- 1.030 ris. 1,028
Emoglobina Assente
Glucosio 0
Acetone assente
Pigmenti biliari assente
Urobilina assente

Creatinemia: 0,55- 1,02 ris. 0,84
Elettroforesi proteine seriche
Albumina 55,8- 66,1 ris. 59,1
Alfa 1 globuline 2,9-4,9 ris. 3,5
Alfa 2 globuline 7,1- 11,8 ris. 8,8
Beta 1 globuline 4,7-7,2 ris. 6,0
Beta 2 globuline 3,2-6,5 ris. 5,7
Gamma globuline 11,1-18,8 ris. 16,9
Rapporto Alb/Glob 1,10-2,40 ris. 1,44

ANA positivi

Oltre ai dati segnati con * notavo alcuni valori appena al di sopra del limite inferiore. Grazie infinite se potrete aiutarmi.

[#1] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Dagli esami comunicati si evince solo una modesta linfomonocitosi "relativa" (lieve aumento dei linfociti e dei monociti nella formula leucocitaria con numero totale dei Globuli Bianchi normale), ed una positività degli ANA (che sono degli autoanticorpi solitamente positivi in presenza di patologie autoimmuni).
Distinti Saluti
Eugenio Greco, MD,PhD, F.E.S.C. (Fellow of the European Society of Cardiology), http://eugenio.greco.docvadis.it

[#2] dopo  
Utente 154XXX

La ringrazio di cuore per la rapida risposta; sono abbastanza preoccupata perchè il linfonodo, credo si tratti di questo, sul lato destro del collo continua a essere presente e dolorante. Se possibile le pongo due ulteriori quesiti
- Il primo se la positivià degli ANA possa essere legata al fatto che sono celiaca.
- L'altro è questo: appena prima degli esami sopra indicati ho eseguito anche esami per sospetta ipoglicemia reattiva. Vorrei solo porre alla sua attenzione i dati domandandole un parere:
Glicemia basale: 93
Dopo 120': 77 *
Insulina
basale: 5.3
Dopo 30': 18.3
Dopo 60': 14.7
Dopo 120': 12.6
I punti 30', 60', 120' sono leggermente emolisati: è possibile un'interferenza con diminuzione dei valori
Mi è stato consigliato di mangiare 5 volte al giorno; lo faccio ma non ho ottenuto grandi benefici. Mi succede a volte di avvertire all'improvviso come un vuoto allo stomaco - fino a far male - e freddo intenso. Grazie ancora di cuore

[#3] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Gli anticorpi specifici per la celiachia sono: 1)antigliadina; 2)antiendomisio; 3)antitransglutaminasi tissutale.
Gli esami di laboratorio eseguiti su campioni emolizzati non sono attendibili, e quindi vanno ripetuti.
Distinti saluti
Eugenio Greco, MD,PhD, F.E.S.C. (Fellow of the European Society of Cardiology), http://eugenio.greco.docvadis.it

[#4] dopo  
Utente 154XXX

Gentilissimo dottore la ringrazio ancora di cuore per la disponibilità mostrata. Vorrei domandare un'ultima cosa: non avevo riportato, inizialmente, un dato degli esami effettuati: mi erano stati prescritti anche esami per mononucleosi, herpes e citomegalovirus. I primi due sono negativi. Per l'ultimo si legge
IgG 2,9 (riferimento <0,4 negativo; >0,4 <0,6: dubbio; > 0,6 positivo)
IgM <0,8 (positivo se superiore a 15)
Due anni fa risultavano IgG 143,40 (positivo se superiore a 15).
Posso domandare delucidazioni in merito?
Il medico mi ha detto che devo aver contratto in precedenza il citomegalovirus ma nessuno si era accorto del dato di due anni fa e che da questo dipenderebbero i linfonodi ingrossati, la febbricola, i dolori articolari, la linfocitosi. Può essere così? Mi è stato dato Fortilase (da ripetere per due mesi) ed eco in toto al collo per verificare comunque la natura dei linfonodi.Grazie mille

[#5] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
1- La positività delle IgM del citomegalovirus riscontrate 2 anni fa, sta ad indicare che in quell'epoca lei ha contratto l'infezione da citomegalovirus;
2- La positività delle IgG del citoegalovirus riscontrate agli esami eseguiti attualmente, indica che ha contratto in precedenza l'infezione da citomegalovirus ed attualmente vi sono gli anticorpi in circolo.
Distinti saluti
Eugenio Greco, MD,PhD, F.E.S.C. (Fellow of the European Society of Cardiology), http://eugenio.greco.docvadis.it

[#6] dopo  
Utente 154XXX

Gentilissimo dottore ho eseguito eco al collo con questi risultati: in sede laterocervicale a livello 2 e 3 presenza di linfonodi ovalari di aspetto immuno-reattivo di dimensioni massime di 22 mm a destra.
Può darmi delucidazioni in merito? Grazie infinite.

[#7] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Dalla relazione inviata si evincerebbe la presenza di linfinodi di tipo reattivo ad un patologia immunologica ("aspetto immuno-reattivo"). Poichè in esami comunicati in precedenza (19-02-2011) è risultata una positività degli ANA (che, come già risposto, sono degli autoanticorpi solitamente positivi in presenza di patologie autoimmuni), è il caso di rivolgersi al proprio medico per eseguire una visita specialistica e degli esami specifici.
Distinti saluti
Eugenio Greco, MD,PhD, F.E.S.C. (Fellow of the European Society of Cardiology), http://eugenio.greco.docvadis.it

[#8] dopo  
Utente 154XXX

Gentilissimo dottore chiedo un'ultima cosa mi potrebbe consigliare quali esami eseguire e quale specialista contattare? E' tre anni che cerco di risolvere questo problema. Domando anche, se già non l'avessi fatto, se può essere tutto legato alla presenza - già diagnosticata - di malattia celiaca. Grazie.

[#9] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
Poichè si tratta di linfoadenomegalie (anche se di natura immuno-rettiva), conviene consultare un ematologo, il quale le prescriverà gli esami più opportuni.
Distinti saluti.
Eugenio Greco, MD,PhD, F.E.S.C. (Fellow of the European Society of Cardiology), http://eugenio.greco.docvadis.it