Utente 328XXX
Salve Dottore, da Dicembre 2012 soffro di vertigini soggettive continue..
Il primo episodio si è verificato la sera del 29 dicembre 2012; lieve giramento di testa che è cresciuto man mano col passare delle ore, fino a diventare insopportabile tanto da non riuscirmi a muovere dal letto.. Classica visita di controllo al Pronto Soccorso e nulla da evidenziare se non battiti cardiaci e pressione un po' più alti rispetto alla norma (dovuti molto probabilmente allo spavento).
Premetto che all'epoca ero sotto terapia con Propil-tiouracile in quanto affetto da morbo di Basedow e che il TSH era ancora represso (ad oggi la situazione si è stabilizzata ed ho smesso di prendere pastiglie su consiglio dell'endocrinologo).
Tornando a prima, al PS mi mandano da un ORL per una visita di controllo per la labirintite; dopo aver svolto le manovre di routine non risulta niente di tutto ciò, ma tramite tampone auricolare vengo a sapere di avere un pò di otite esterna ad entrambi gli orecchi (schevanella putrefaciens).. mi prescrivono delle gocce da prendere una settimana dicendomi che la cosa si sarebbe risolta lì.
Le vertigini persistono e vado a svolgere un esame completo di sangue e urine dove tutto risulta regolare; successivamente mi reco da un fisioterapista per un controllo della cervicale e anche lì niente! Nel frattempo il mio medico di base mi prescrive Vertiserc 16mg da prendere 2 volte al giorno ma senza alcun effetto dopo 2 mesi di terapia.. Sempre il mio medico decide allora di darmi del Bromazepam (20 gocce su bisogno) abbinato a 15 gocce di Daparox (ogni mattina) per calmarmi nei momenti in cui la situazione si faceva piu grave e devo dire che il bromazepam mi aiuta a controllare la situazione emotivamente ma non a farmela passare.. mi reco quindi da un neurologo il quale mi manda a fare una risonanza all'encefalo dalla quale risulta soltanto una megacisterna magna (presente dalla nascita, dicono).. Pensando si trattasse quindi di un problema su base "mentale" mi reco da uno psicoterapeuta, il quale dopo un paio di sedute non trae alcuna conclusione, dicendomi che secondo lui si tratti di un problema organico.
Ecco che quindi oltre ai giramenti inizio ad avvertire gonfiore e bruciore a stomaco e intestino; svolgo una gastroscopia e un test delle intolleranze alimentari, dai quali risulta una lieve gastrite (curata in breve tempo) accompagnata da incontinenza cardiale e delle importanti intolleranze a latticini, frumento, uova e lieviti.. Elimino tutto cio dalla mia dieta, pensando di essermi in un certo qual modo intossicato, ma dopo un mese la situazione rimane la stessa.
La scorsa settimana, dopo 11 mesi di giramenti continui, la situazione si calma per la prima volta per ben 5 giorni, per poi ricomparire quasi piu forte di prima..
Non so più che controlli fare.. Ho prenotato una visita oculistica, tanto per, ma appena fra 3 mesi.. Secondo lei dovrei consultare uno gnatologo anche? Grazie della pazienza, attendo con ansia una risposta esauriente

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso le suggerirei di non dimenticare la possibile causa di vertigine spesso trascurata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se chiede "Secondo lei dovrei consultare uno gnatologo anche? " , evidentemente quest'ipotesi le è stata già fatta . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico. Pertanto le confermerei il consiglio di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

Otite che non guarisce: colpa dei denti?
https://www.medicitalia.it/minforma/Otorinolaringoiatria/961/Otite-che-non-guarisce-colpa-dei-denti
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1315-reflusso-gastro-esofageo-notturno-attenti-russare-apnea.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com