Utente 299XXX
Gentili Medici,
ho più volte usufruito dell'utilissimo servizio da voi offerto, questa volta scrivo per un problema riguardante mia mamma, anni 65. A seguito di lievi dolori al fianco ha effettuato una ecografia dalla quale risulta (riporto integralmente) : " fegato lievemente iperecogeno. Vena porta 1,02 cm. Colecisti regolare, allungata, presenza a livello del corpo di formazione aggettante nel lume colecistico di 4,4 cm. Milza 9 cm. Rene destro 11,08 cm.Si consiglia controllo ecografico tra 4 mesi." Gli esami ematochimici erano tutti nella norma, compresi gli enzimi epatici. Trascorso 1 mese circa, anche per la preoccupazione nell'avere tale formazione "indefinita" così come evidenziato da altri medici a cui abbiamo chiesto un parere (calcolo? polipo?), al primo dolore al fianco ho portato mia mamma al pronto soccorso della mia città. Viene effettuata nuova ecografia dell'addome (facendo presenti le risultanze del precedente esame) dal medico del pronto soccorso. Riporto nuovamente: "all'ecoscopia: nulla a carico della colecisti che appare ripiegata, non dilatazione delle VB, fegato e reni nn" esami ematochimici nuovamente nella norma. Ora ci chiediamo, vista la differenza abissale tra i due referti...cosa fare? una nuova ecografia? una tac? è possibile che una colecisti ripiegata simuli una "formazione" così come definita nella prima ecografia, o viceversa? Ci sembra (4,4 cm) una dimensione rilevante e vorremmo approfondire. Chiedo, con estrema fiducia, un Vostro gentile (come sempre) parere sulla situazione. Vi ringrazio!

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
In effetti la discrepanza è sorprendente ed è giusto rasserenarsi.
Un esame TC sarebbe dirimente.
Ne parli con il curante.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 299XXX

Gentilissimo Dr. Quatraro,
innanzitutto la ringrazio per la sua risposta. Ho dimenticato di scrivere nel precedente messaggio che mia mamma ha effettuato c.a un anno fa una tac all'addome a seguito di intervento di polipectomia che le ha provocato febbre (per cui si sospettava una perforazione intestinale: il polipo era nel colon, e all'esame istologico è risultato benigno con displasia lieve). Non so che valore possa avere comunque un esame del genere a distanza di un anno. In ogni caso i nostri dubbi rispetto alla tac vengono dal fatto che mia mamma (per giunta è fuori sede, dal momento che non abitiamo nella stessa città) ha una lieve cardiopatia e soffre di aritmie atriali (sottoposta quindi a cura farmacologica). E' ugualmente possibile effettuare una tac o è consigliabile una terza ecografia? Se mi permette, inoltre vorrei chiarirmi un dubbio: il medico che ha riscontrato la formazione della colecisti, viste le dimensioni, non avrebbe dovuto consigliare l'effettuazione di altri esami, invece che un controllo ecografico a distanza di 4 mesi??!! Inoltre una dimensione del genere non avrebbe provocato seri disturbi a mia mamma, che invece ha sofferto solo sporadicamente di dolori al fianco che il secondo medico ha ritenuto riferibili alla presenza di aria nell'addome?Le sono grata per l'interessamento. Un saluto cordiale!

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
E' ragionevole pensare che vi debbano essere disturbi legati al riscontro (la cui attendibilità è ancoa da verificare),
ma esistono anche casi di asintomaticità per periodi anche lunghi.

Non mi sembra di scorgere particolari controindicazioni alla TC,
ne parli comunque con il radiologo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 299XXX

Gentilissimo Dr Quatraro,
Le scrivo nuovamente perchè mi sembra corretto informarla degli ultimi sviluppi sulla situazione di mia mamma. Tutto si è risolto...ad una nuova ecografia presso il reparto di oncologia del Sant'Orsola di Bologna è risultata una colecisti ripiegata ed effettivamente una formazione aggettante nel lume, ma di 4,4 mm e non cm!!!!! probabilmente (noi non abbiamo l'ecografia precedente, ma solo la lettera di dimissioni di mia mamma che aveva fatto un DH per problemi cardiaci!) avranno sbagliato a trascrivere l'unità di misura. Rispetto a questa formazione ci hanno detto che è un polipetto di colesterolo, e non un calcolo, e che con queste dimensioni possiamo tranquillizzarci e fare un controllo effettivamente a 4 mesi, solo per vedere se si ingrandisce nel tempo. A seguito di questo riscontro hanno ritenuto non necessario fare una Tac.
La ringrazio infinitamente per l'attenzione dedicataci! Un saluto

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Di nulla.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it