Utente 300XXX
Salve, ho un dubbio. Da quattro anni circa vado a letto alle quattro di notte e mi sveglio alle undici-undici e mezzo di mattina e mi chiedevo se questo comportamento a lungo andare potesse causare dei danni alla salute. Ho letto qualcosa a proposito del ritmo circadiano ma non ho trovato niente di utile in merito al fatto se ci possono essere danni o no adottando questo comportamento per parecchi anni di fila. Il pomeriggio mi capita spesso di avere una forte sonnolenza, ma oltre questo non mi è mai successo altro. Qualcuno potrebbe darmi qualche delucidazione in merito?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Caro Utente,
la quantità di ore necessarie per un sonno ristoratore varia da soggetto a soggetto, anche se in media si parla di otto ore a notte.
Il suo ritmo sonno veglia, con addormentamento alle quattro del mattino e riveglio alle undici del giorno successivo non è dnnoso in sè. Può esserlo nella misura in cui a lei è impedito al mattino di svolgere attività.... perchè dorme.
Se tuttavia è riuscito ad organizzare la sua giornata in modo tale che svegliarsi alle 11:00 am non le procura disagi, nulla osta che lei continui ad andare a letto alle quattro.
Sempre che un addormentamento così tardivo non sia dovuto ad un problema di insonnia iniziale o all'assunzione di eccitanti come il caffè in tarda serata.
Simpaticamente.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 300XXX

Sì, per l'organizzazione al momento non ci sono problemi, la mia unica preoccupazione era a livello di salute. Quindi lei dice che non ci sono danni. E che mi dice a proposito dell'effetto riposante del sonno? Dormire con questi orari è meno riposante rispetto al dormire a orari normali? Le faccio questa domanda poiché come ho scritto, durante il pomeriggio mi capita di avere sonnolenza, e a volte veri e propri colpi di sonno.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Caro utente,
perchè va a letto alle quattro?Cioè al mattino?
Per lavoro o perchè ha sballato il suo ritmo sonno/veglia?
Se lei andasse a letto prima si addormenterebbe?
Mi aggiorni su questi quesiti.....
Buonanotte......
:-)
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 300XXX

Vado a letto a quell'ora perché il mattino non lavoro e non ho impegni, attualmente il mio impegno è la scuola, e frequentando un serale finisco alle otto e mezzo e quindi lentamente sono arrivato ad assumere questo stile di vita. Il motivo è solo il fatto che preferisco la notte al giorno per una questione di rilassatezza e calma, e così stare sveglio di notte e dormire di giorno è diventata un'abitudine. Comunque ieri ho provato ad andare a letto alle due e mezzo e mi sono addormentato normalmente, raramente ho problemi per quanto riguarda l'addormentarsi, anche quando vado a letto prima. Ho trovato questo articolo un po' di tempo fa: http://www.lastampa.it/2011/03/27/blogs/anteprime-dagli-usa/il-lavoro-notturno-rovina-la-salute-nuVrY4JySAfMFRV5AFXsNN/pagina.html
E' proprio questo che mi ha allarmato, davvero dice che è il caso di non preoccuparsi? Possibile che questo articolo dica il falso?

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
L'articolo mi fa sorridere. O forse piangere.
Devo decidere.......

Ciò detto, se riesce a riportare gradualmente il suo ritmo sonno - veglia nel range di "normalità", andando a letto non oltre le 24:00 e levandosi non oltre le 08:30, avrà a disposizione la mattinata intera e come si suol dire "il mattino ha l'oro in bocca!"
:-)

Diversamente continui le sue levate a mezzoggiorno: non si ammalerà di nulla di quelle fesserie che sono riportate nell'articolo citato.

Cordialità
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 300XXX

La ringrazio per le risposte, ora sono più tranquillo!