Utente 715XXX
Ho effettuato una ecografia di controllo all'addome. In relazione al fegato leggo nel referto: "discreto ingrandimento del fegato che presenta tyrama infittita operecoogena per epatopatia a componente steatosica senza ecidenti segni di lesioni focali" La mia domanda è : in che fase siamo, o meglio, secondo voi è facilemte e velocemente regredibilie con un mutamento delle mia abitudini alimentari (eliminazione alcol, più vredura e frutta, meno carboidrati e grassi ecc. ecc.) ?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
ma se mi permette oserei definirla "caro amico di sventure", visto che l'età, il peso e le condizioni del nostro fegato ci accomunano. Una steatosi si verifica quando vi è un ccumulo eccessivo di trigliceridi nel fegato. L'abuso di cibo e di alcool ne è sicuramente una delle cause principali. Infatti il controllo alimentare e la sospensione della assunzione di alcolici fa regredire in breve tempo il quadro clinico. La certezza della sua scomparsa non è così matematica, ma il nostro compito è quello almeno di provarci, per cercare di recuperare il più possibile. Alla luce dei suoi buoni propositi mi impegnerò anch'io a seguirli.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente 715XXX

La ringrazio per la risposta. Il medico che mi ha fatto l'ecografia mi ha fatto intendere che non c'è niente di grave o di preoccupante ma è meglio cominciare a pensarci. Da queste parole ho intuito che c'è margine perchè la situazione regredisca. La ringrazio per avermelo confermato, anche se puntualizzando che non c'è certezza matematica. Dovremo metterci di impegno !

[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Si ... ma quanta fatica nel rinunciare alle cose più buone !
Comunque ... coraggio, andiamo avanti.
Se vuole mi tenga informato.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile