Utente 462XXX
Buongiorno dottori vi scrivo per cercare di risolvere questa situazione che ormai va avanti da troppo tempo. Intorno al 14/07 ho iniziato ad avvertire un prurito/bruciore alla gola, sensazione di fresco quando inspiravo e sensazione di corpo estraneo alla deglutizione. Ho effettuato una laringoscopia:edema della mucosa aritneoidea. Inizio la cura con esomeprazolo da 20mg dopo qualche giorno sparisce completamente lo stimolo della fame. Vado da un gastroenterologo mi aumenta la cura con l'esomeprazolo da 40mg. Dopo due mesi i sintomi continuano e si aggiunge un bruciore forte alla lingua, effettuo:
-gastroscopia: gastrite cronica in fase quiescente
-manometria esofagea
-ph impedenziometria delle 24h
-Rx torace
-Esami del sangue generali
-Esami urine
-Eco tiroide
-Eco addome completo
-visita neurologica
-Controllo dal dentista con ortopanoramica
Tutto negativo.

Dopo qualche mese sono iniziati formicoli al viso e dolori facciali.
A breve effettuerò una rm cerebrale.
Ad oggi i miei sintomi sono:
-bruciore/prurito alla gola
-bruciore alla lingua (da vedere è normale)
-stimolo della fame assente
-fatica a ruttare (i rutti si fermano in gola e creano un blocco) e a volte ho rutti acidi
-sensazione di qualcosa in gola alla deglutizione, sia la saliva che il cibo sembrano rimanere in gola per qualche secondo e poi scendere lentamente
-formicoli/intorpidimento/dolore al viso

Non riesco proprio a capire da dove possano arrivare tutti questi sintomi quindi vi chiedo aiuto. Quale potrebbe essere la causa di tutto questo? A chi posso rivolgermi?
Non ho mai avuto nessun problema di salute prima d'ora.
Grazie mille!

[#1] dopo  
Dr.ssa Margherita Andreina Magazzini

24% attività
0% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Buongiorno quanto Lei descrive mi fa pensare a più possibili cause che vanno scandagliate. Gli esami del sangue negativi e tutto negativo: bisogna andare oltre.
Formulo delle ipotesi sulla possibile causa :
cambi di abitudini alimentari anche il solo cambio dell'acqua che si beve, modificazioni nell'attività lavorativa: contatto con sostanze chimiche, infezioni virali erpetiche, un eccesso di istamina legata ad alimenti, farmaci che provoca aumento della secrezione acida dello stomaco quindi i rutti acidi ( nonostante esomeprazolo), provoca prurito bruciore, edemi e molto altro.
Qui non è la sede per fare diagnosi. Alla domanda: a chi rivolgersi rispondo ad un medico che prenda in considerazione in modo globale la sua situazione che faccia il punto della situazion. Se viene negativa anche la RMN allora la causa potrebbe essere una di quelle formulate prima che vanno studiate ed escluse ad una ad una fino a trovare la causa e quindi la terapia adeguata.
Provi a chiedere intanto al Suo medico di prescriverLe le indagini per le infezioni virali erpetiche le più comuni, un esame più approfondito del sistema immunitario di secondo livello, un dosaggio dell'istamina. Resto disponibile ovviamente per ulteriori chiarimenti.
Dott. Margherita Andreina Magazzini

[#2] dopo  
Utente 462XXX

Salve dottoressa grazie mille delle informazioni.
Non ho cambiato le mie abitudini alimentari e lavorative e non assumo nessun farmaco. Anche io avevo pensato ad un allergia alimentare infatti sto prendendo l’antistaminico da un po’ di tempo ma i sintomi restano. La RM all’encefalo fortunatamente è negativa. L’unica cosa che è risultata positiva in tutti gli esami che ho fatto è la Calprotectina. Potrebbe esserci una correlazione con i miei sintomi e questo indicatore?
Ad ogni modo provvederò a farmi prescrivere le analisi dal medico di base, nel dettaglio quali sarebbero da fare? Me li può elencare? Grazie mille!