Utente 651XXX
gentile medico. la coulto anche per avere un parere sulla causa che potrebbe esere stata sul decesso di mia nonna che avea 74 anni. Soffriva di reni e nel 1997 ebbe un ictus celebrale che è andato a buon fine solo che mi nonna ha voluto rimanere a letto e si alzava solo al bisogno di andare in bagno. Poi, e successo che è caduta facendosi male la gamba e non ha voluto più riazalsi ed è rimasta a letto definitivamente per 10 anni.Ultimamente causava dolori dappertutto specie alle gambe.Giorno 22 marzo ha la febbre sui 39° però riesce ha ragionare bene. L'indomani non riesce a farsi capire nel linguaggio e limita il deglutimento sia con l'acqua che con il cibo sembra che ha pure la bocca deviata in un lato. La febbre è presente sempre! Poi con il seguire dei giorni non riesce a parlare, ha un'occhio rosso e più aperto rispetto all'altro, riesce a deglutire al minimo solo gli omogeneizzati e ad urinare con il catetere. Poi il medico sospetta che sia ischemia e le sommininistra le punture per la circolazione clivarina, le fiale soldesan e gerolin tutto dentro alla flebo di acido cloruro, più punture di cefriaxone e bentalan da 4mg. La situazione è precipitata in una settimana, non dava più nesssun segnale aveva la respirazione molto difficile e respirava con la bocca poi è deceduta. Secondo lei può trattarsi di ischemia? che inizia poi con la febbre? cordiali saluti e grazie per l'eventuale risposta.

[#1] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale

24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
E' verosimile che l'evento finale sia stato un ictus cerebri: se sia stato ischemico o emorragico, non è possibile adesso determinare.E' probabile anche che si sia associata una condizione di disidratazione; non è possibile distinguere, con quanto Lei ha riferito, se la febbre sia stata un evento concorrente, o concomitante o conseguente al fatto acuto
Dr.ssa Provvidenza Fodale

[#2] dopo  
Utente 651XXX

la ringrazio per la risposta. Cordialmente