Utente 181XXX
Buongiorno mi chiamo Paola, ieri mio padre ha ritirato le analisi del sangue e ha riscontrato dei valori alti che vado qui di seguito a elencarvi, la mia domanda è che rischi ci sono e che dieta dovrebbe seguire (se deve eliminare qualche alimento in particolare) e in ultimo se deve prendere dei medicinali o fare altri accertamenti. Grazie per la vostra attenzione. P- Alfa Amilasi 310 U/L (20-100) Metodo IFCC Piastrine 122 10°3/uL (150-450)

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Gentile Paola, il papa' non avra' mica fatto solo l'amilasi, guardi che magari ci sono anche la lipasi, le transaminasi (AST e ALT) e la gamma GT, ci dica come sono.

L'amilasi e' un enizma del pancreas e si innalza nel siero in caso di generica pancreatopatia, primitiva del pancreas (il papa' beve'? e' stato fatto il Ca 19.9?) ma anche secondaria a stasi biliare, nel qual caso il problema si sposta a monte, a livello del fegato. In effetti, una lieve piastrinopenia e' spesso presente negli epatopatici.

L'amilasi e' un enzima presente anche nelle ghiandole salivari e teoricamente il babbo potrebbe avere anche una parotite ("orecchioni"). Ma in tal caso penso che, ponendo il quesito, ce lo avrebbe detto.

Ad ogni modo oggi si preferisce dosare la lipasi (specifica del pancreas) oppure dosare l'amilasi pancreatica (un isoenzima organo specifico), che pero' costa molto di piu' dell'amilasi "volgare".

Quando si chiedono commenti sulle analisi del sangue, occorre riferire non solo quelle alterate, ma anche quelle normali, per capire cosa e' gia' stato indagato, cosa si puo' escludere in base alla normalita' delle altre analisi, e cosa manca all'appello e potrebbe invece valere la pena di approfondire ulteriormente.

Cordialita'
Come proporre correttamente quesiti online relativi ad analisi di laboratorio:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42830

[#2] dopo  
Utente 181XXX

Egregio dott. Bianchi la ringrazio per l'attenzione mostrata al mio caso, sarà mia premura questo fine settimana quando vedrò mio padre di farmi consegnare i valori mancanti affinchè lei possa avere un quadro completo.
Cordialità Paola

[#3] dopo  
Utente 181XXX

Egregio dott. Bianchi le riporto gli esiti completi delle analisi fatte da mio padre, in più riporto il referto dell'ecografia addominale e gli esiti di altre analisi del sangue:

Sg- ESAME EMOCROMOCITOMETRICO (§)
Globuli Bianchi 5,49 1013IuL [4,0- 10,0]
Globuli Rossi 5,22 1016/uL [4,50- 6,00]
Emoglobina (Hb) 15,2 g/dL [13.5- 18,0]
Ematocrito (Hct) 45,4 % [42 -52]
MCV 87 fL [80- 96]
MCH 29 pg [27- 33]
MCHC 33 g/dL [32- 36]
RDW -CV 13,3 % [11 -15]
Piastrine 122 * 1013IuL [150- 450]
MPV 11,7 fL [9 -131
Formula leucocitaria automatizzata
NEUTRO % 52,3 % [40,0- 75,0]
liNFO % 38,3 % [20,0- 50,0] MONO% 6,6 % [2,0 -10,0] EOSINO % 2.4 % [0,0- 6,0]
BASO% 0,4 % [0,0-2,0]

NEutro # 2,87
LlNFO # 2,10
MONO#0,36
EOSINO # 0,13
BASO # 0,02

p- GLUCOSIO (§) Metodo GOD-PAP 94 (60-110)
P- ASPARTATO AMINO TRANSFERASI (AST/GOT) (§) Metodo IFCC con Piridossalfosfato 24 (10-50)
p. ALANINA AMINO TRANSFERASI (AL T/GPT) (§) Metodo JFCC con PiridossaJfosfato 36 (9-50)
p- ALFA AMILASJ Metodo IFCC 310 ( 20-100)
P- POTASSIO
Metodo Potenziometria indiretta 3,85 (3,50-5,00)
p. COLESTEROLO TOTALE Metodo CHOD -PAP 207 (fino a 200)

colesterolo HDL 58 (>35)
Ferro 92 (59-158)

Antigene prostatico specifico 0,87 fino a 3,9
Ferritina 233 (14-250)

Esame Ecografia addome:
Indagine notevolmente limitata e pertanto scarsamente diagnostica, per la sovrapposizione di abbondante meteorismo enterico.
Con tali limiti, malvisualizzabile la loggia pancreatica, apparentemente indenne da grossolani espansi tuttavia meritevole di ulteriore conferma mediante esame TC con mdc.
Aorta addominale di calibro regolare. --
Fegato di dimensioni lievemente aumentate ad ecostruttura francamente disomogenea. Apparentemente alitiasica la colecisti.
Vie biliari.intraepatiche non dilatate. Invalutabili la regione dell'ilo epatico e la VBP.
Non segni di splenomegalia.
Reni nei limiti per dimensioni, senza segni di idronefrosi.
Vescica mediamente distesa, sostanzialmente simmetrica, in assenza di macroscopici aggetti endoluminali. Apparentemente nei limiti la prostata.

Esami del sangue del 14 novembre:
Creatina 0,92 (0,50-1,20)
proteine 7,6 (6,4-8,3)
Elettroforesi sieroproteica
proteine totali 7,6 (6,4-8,3)
rapporto A/G 1,31 (1,10-2,4)

Albumina 56,7 (52-65)
alfa 1 Globuline 2,8 (1,5-4)
alfa 2 Globuline 9,3 (9-14)
Beta 1 Globuline 7,6 (6-11)
Beta 2 Globuline 5,0 (2-6)
Gamma Globuline 18,6 (10-22)

Ha fatto anche una TAC e ieri gli hanno dato l'esito che dice:
Non focalità patologiche e intraparenchimali a carico di fegato e milza.
Le vie biliari intra ed extraepatiche non sono dilatate. regolari i reperti a carico del pancreas in particolare non si osservano esapnsi o immagini da riferirsi a sofferenza pancreatica.
entrambi i frendi sono in sede con regolare effetto nefrografico. si segnala la presenza di formazione cistica corticale al polo inferiore di destra.

Spero di aver riportato tutto ciò che mancava.
Grazie per la sua attenzione Paola.

[#4] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Ah Paola, trascrizione accuratissima. Sono imbarazzato perche' a parte l'amilasi isolatamente alta, in effetti non emerge niente.

Il quadro metabolico e' molto buono per l'eta', e non emergono indizi a carico dell'asse epato-pancreatico inteso come unita'. Anche i morfologi come vede si sono concentrati sul pancreas e con tutta la buona volonta' non sono riusciti a vedere niente.

A questo punto le ipotesi sono tre:

1) il pancreas nonostante tutto nasconde qualcosa, di cui l'amilasi e' la prima spia. Fra un paio di mesi faccia un prelievo di controllo, oltre all'amilasi dovrebbe aggiungere la lipasi e il CA19.9. Se trova un laboratorio che fa l'amilasi pancreatica, mano al portafoglio e sospirando aggiunga anche quella.

2) il pancreas non c'entra ed e' un problema di parotidi. Il babbo avra' amilasi totale alta, ma lipasi e amilasi pancreatica basse.

3) il babbo non ha niente tranne una macroamilasemia, situazione benigna caratterizzata dalla presenza in circolo di anticorpi anti-amilasi, che si legano all'enzima e gli impediscono di venir eliminato dal rene (l'amilasi e' una proteina piccola e viene filtrata regolarmente dal glomerulo. Una volta legata all'anticorpo, diventa una molecola grossa, non passa piu' dal filtro renale e si accumula in circolo, aumentando i valori).

Ne parli col medico di famiglia, tutte queste cose le sanno benissimo anche loro

Cordialita'
Come proporre correttamente quesiti online relativi ad analisi di laboratorio:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42830

[#5] dopo  
Utente 181XXX

Grazie dott. Bianchi, la sua spiegazione al momento mi solleva, comunque fra due mesi dirò a mio padre di effettuare le analisi del primo punto.
Ha ragione il medico di famiglia sicuramente sa queste cose, ma conoscere il parere di uno specialista rassicura una figlia apprensiva come me.
Le auguro buon week-end e grazie ancora. Paola