Utente 152XXX
Gentili Dottori,
mia zia nel giugno 2007 ha presentato domanda di aggravamento per invalidità civile;
è stata chiamata a visita a fine gennaio 2010 e ad oggi non gli hanno comunicato il responso della visita.
A giugno all’ ASL gli hanno detto che la pratica era stata spedita all’ Inps e che quindi avrebbe avuto la risposta a casa nel mese di settembre, ora invece gli hanno detto che la pratica è stata inviata all’ Inps la fine di settembre e che dunque passeranno altri 5/6 mesi perché le venga inviata la raccomandata col risultato.

Ora io vorrei chiedervi se è possibile che una persona venga chiamata a visita dopo 2 anni e mezzo e che dopo la visita passi ancora oltre un altro anno per sapere il risultato.
Mia zia può fare qualcosa (ha cercato di protestare con l’impiegata dell’ Asl che gli ha dato le info ma lei gli ha risposto che le cose stanno così, punto) o si deve rassegnare alla solita “efficienza” italiana ?

Cordialità

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

purtroppo la legge non fissa alcuna scadenza temporale da rispettare nella risposta a coloro che fanno una domanda di invalidità.

Le sole scadenze sono poste a carico del cittadino, il quale può fare un ricorso giudiziario non oltre i 6 mesi dalla notifica formale (mediante raccomandata postale) del verbale di invalidità.
In realtà, una volta che la commissione dell'ASL ha esaminato la domanda, deve inviare il verbale all'INPS, il quale solitamente decide se approvare o respingere il giudizio del prima commissione entro 60 giorni; anche tale termine non viene sempre rispettato.

Per i malati oncologici la legge Legge 9.3.2006 nr 80 prevede che la visita venga fatta entro 15 giorni dalla domanda e gli esiti della seduta di commissione hanno un effetto immediato (a meno che la commissione non disponga ulteriori accertamenti).

Per tutto il resto, bisogna affidarsi all'efficienza e al buon senso della pubblica amministrazione, che in alcune sedi funziona egregiamente, in altre no.

Cosa potrebbe fare sua zia, visto che dal 2007 la sua domanda di aggravamento non ha ancora avuto una definizione?
E'difficile darle una risposta; un buon avvocato potrebbe forse tentare una causa pilota contro la pubblica amministrazione, ma si tratta di una via tutta in salita …e costosa.

http://www.medico-legale.it/invalidita'_civile.html
https://www.medicitalia.it/minforma/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/177-invalidita-civile.html


Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it