Utente 161XXX
Gentili Dott. Nel 2001 subii un infortunio sul lavoro per il quale l'inail mi riconobbe 10 punti di invalidità permanente con relativo risarcimento del danno in capitale. L'infortunio mi causò infrazione glenoide spalla Dx e lussazione abituale scapolo omerale Dx. Dalla visita effettuata presso l'Inail inoltre: Arto superiore dx, scapolo-omerale: elevazione 140, abduzione 60, extra-rotazione limitata per 1/3.
Manovra di Apley decisamente limitata
Modica ipomiotrofia del muscolo deltoide e degli altri muscoli del cingolo.
Nel 2004, viste le continue lussazioni anche facendo i gesti più banali decisi di farmi operare: artroplastica spalla destra. Anche dopo l'intervento chirurgico la spalla purtroppo non mi permette di fare i normali movimenti, e, da qualche anno continuo ad accusare dolori, tendenza alla lussazione, e deficit di forza al braccio destro. Ho effettuato una ecografia qualche mese fà che riporto: perdita della normale ecostruttura fibrillare del tendine del sopraspinato che appare disomogeneamente ipoecogeno e ridotto di spessore con irregolarità inserzionali.
Irregolarità del profilo della testa omerale
Distensione anecogena della guaina del tendine del capo lungo del bicipite come da tenosinovite
Lieve ispessimento delle pareti della borsa SAD.

La domanda che vorrei fare è: secondo Voi la valutazione di 10 punti è congrua al danno effettivo?
Vorrei chiedere all'Inail un aggravamento in rendita (quindi di 16 punti) non posso chiedere nessun aggravamento in capitale perchè già la feci nel 2002 (inizialmente l'inail mi riconobbe una invalidità di 6 punti). Spero che qualcuno vorrà rispondermi ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
sulla congruità della valutazione nel suo caso è indispensabile la visita diretta di natura medico legale.
In merito all'aggravamento credo che sia decorso il settimo anno per cui deve attendere il decimo anno dall'infortunio.
Per la esatta verifica della data cui presentare ricorso le consiglio di avvalersi degli amministrativi o dell'inail oppure di un patronato.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni