Utente 250XXX
gentile specialista,la domanda che vi pongo e da 4 anni che avrei voluta farla ,ma non ho accettato tutto questo ,per problemi piscologici,ma adesso sono stufa perche il lavoro ma malissimo non posso farmi tanti controlli che devo fare perche isoldi non bastano,e sono in crisi piu nera ,allora circa4 anni fa ho avuto una brutta broncopolmonite con piu di mezzo litro di pleurite aspirata con toracentesi,alla tc ,rd il mio bronco appare calcificato mentre,il polmone tutto sul lato destro apparecontratto e con una bella cicatrice ,questo mi porta disturbi di affanno dolori quando faccio una respirazione profonda , anche alcune volte quando parlo veloce mi stanco,figuratevi quanto faccio una salita ,e dovuto abbandonare il mio lavoro di pulizie ,perche non ci riesco a pulire di continuo o alzarmi cose pesanti come facevo prima, perche questo e successo all eta di 32anni,dove svolgevo una vita piu movimentata,a tutto questo si sono uniti dolori di cervicale quasi cronici,sempre sul lato destro ,cisti al seno,inizio fibbrone da tenere sotto controllo e poi si e aggiunta una rinite vasomotoria perenne con turbinati gonfi ,il primo intervendo lo fatto ma mi si sono gonfiati di nuovo , dandomi dolori ti testa dolori al petto e un po di affanno ,per poi includere i soldi per spay acqua di mare antistaminici vitamine per dare forza al mese esco un bel po ,e che adesso non riesco a sostenere neanche quelli ,insomma i problemi ci sono ,e vorrei fare domanda per la piccola pensione che danno ma che mi servira posso chiederla al mio medico , e che percentuale mi ci vuole per averla,non sono informata su niente vi prego di spiegarmi il tutto e dove andare per farla ,,grazie di tutto

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

sei è in attualità di lavoro ed assicurata INPS, può presentare istanza per il riconoscimento della condizione di "invalido" ai sensi della Legge 222/1984.
Per poter ottenere un beneficio economico, che viene definito "assegno di invalidità" è necessario che la capacità lavorativa del soggetto assicurato sia ridotta a meno di un terzo del totale, considerando le "occupazioni confacenti alle attitudini".

Per presentare l'istanza deve farsi compilare dal Suo medico di medicina generale una certificazione sul modello INPS SS3, e quindi attendere la convocazione a visita da parte del'Istituto Assicuratore.
Considerate le infermità che descrive, è opportuno che Lei effettui preliminarmente una visita specialistica dallo pneumologo, ed eventalmente esegua un esame spirometrico, preferibilmente in strutture sanitarie pubbliche, in modo da pote esibire alla visita le opportune attestazioni sulle Sue condizioni cliniche.

Per ulteriori chiarimenti può consultare i seguenti links:

https://www.medicitalia.it/minforma/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/164-invalidita-inps.html
https://www.medicitalia.it/mascotti.nicola/news/2178/La-valutazione-percentuale-dell-invalidita-permanente-in-Medicina-Legale
http://www.handylex.org/schede/pensinabililavoro.shtml

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 250XXX

gentile specialista,,nicola,il lavoro che svolgevo prima era saltuario,ed era in nero ,ma mi bastava,ma adesso non posso fare neanche la beby sytter ,perche il peso dei bambini mi fa stancare,,quello che io potrei fare e la segretaria , ma qui il paese e piccolo e non ce niente ,pensi un po che non c e niente neanche per l uomo ,questo come ho capito potra dare problemi alla domanda per il piccolo assegno ,io ho tutta la documentazione,che risale al 2007 non ho buttato niente , poi io non ricordo di aver fatto la spirometria il mio pneumologo ,mi a controllato dopo essere uscita dall ospedale quasi un mese perche entravo e dopo pochi giorni rientavo per la febbre ,che ritornava,,,cmq lo pneumologo sa tutto di me ,e ricordo che mi a detto che questo miavrebbe dato un po di problemi ,,ma non credevo cosi ,quello che mi a dato fastidio, e il mio medico curante ,perche dopo quasi 5 anni dall accaduto ,mi sono fatta coraggio ,a chiedergli per l assegno mi a risposto che ci vogliono 500 euro di controlli ,e che poi non viene accettata ,mi a delusa sapendo i problemi che o ,fisici ed economici ,allora mi chiedo se fossi stata un uomo con 2 figlie mi avrebbere lasciato morire di fame ,neanche l assegno mi avrebbero dato ,non credo a questo ,io i danni celo ,ei polmoni sono organi molto importanti per vivere,e mi di spiace di aver avuto questi problemi ,se no andrei a lavorare cmq dott nicola ,l ultima rx lo fatta nel giugno 2011, non c e niente di cambiato ,mi dica seo buone possibilita di averlo,la ringrazio di cuore ,mi risponda al piu prestopossibile cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

come Le ho detto nella precedente risposta, requisito sanitario per ottenere la concessione dell'assegno di invalidità INPS è la riduzione della capacità lavorativa in occupazioni confacenti alle attitudini a meno di un terzo.
Poichè il requisito è tassativo, è opportuno che Lei documenti in maniera più accurata possibile le patologie da cui è affetta, meglio se con certificazioni recenti e rilasciate da una struttura pubblica.
Si accerti inoltre presso un Patronato di essere in possesso dei requisiti contributivi per poter presentare la domanda.

Ancora Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]