Utente 606XXX
Gentili dottori, nel 2012 a seguito di un incidente stradale, a mio figlio di 35 anni è stato diagnosticato un cavernoma temporale sinistro, causa dello svenimento che lo aveva mandato fuori strada. L'intervento chirurgico effettuato l'anno successivo, ha evidenziato un area di sanguinamenti pregressi, che ancor oggi, con le annuali risonanze magnetiche di controllo, rimane ancora stabilmente alterata. Ciò gli determina improvvisi mal di testa e senso di vertigini, che il suo lavoro, (8 ore con la cuffia in testa) no ne è certamente la migliore cura. Visto che nelle visite mediche aziedali di routine, gli viene consigliato di effettuare pause di 10 minuti per ogni ora di lavoro, alla luce di tutto questo, cortesemente, vorrei sapere se ci sono i presupposti per richiedere l'invalidità civile o la legge 104.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

secondo quanto riferisce, concordo col parere del Collega Neurochirurgo Dott.Migliaccio nel ritenere di scarsa utilità un'istanza di riconoscimento di invalidità civile e/o handicap ai sensi della Legge 104/92, se non non sussistono reliquati funzionali o necessità di terapie farmacologiche continuative.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]