Utente 372XXX
Salve,
Volevo porre brevemente il seguente quesito:
Nel caso venisse prescritto un farmaco considerato dal rapporto OsMed dell'AIFA 2012, 2013 (e non solo) come inappropriato per l'uso in prima linea della patologia portata in esame dal pz. (anche se comunemente utilizzato per la stessa); nel caso lo stesso sviluppasse una grave ADR a tale principio attivo, ci sarebbero i presupposti per un motivo di rivalsa verso il medico di base considerato soprattutto l'assenza di una diagnosi circostanziata ai fini di giustificare l'utilizzo di un farmaco di seconda scelta?

Grazie per l'attenzione!

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

non è possibile rispondere ad una domanda generica, qualora dopo la somministrazione di un farmaco si dovesse verificare una grave ADR (con un danno biologico permanente), bisognerebbe effettuare un approfondimento farmacologico, verificare la banca dati AIFA, un'anamnesi dettagliata, le indicazioni per la patologia in oggetto, ecc e rivolgersi ad un medico legale per un parere.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona