Utente 386XXX
Gentili dottori, mi chiamo Francesca e ho 42 anni, circa 6 mesi fa, sono sta coinvolta in qualità di autista, in incidente stradale a dinamica maggiore.
L'auto era in sosta,veniva colpita da un'altra a forte velocità (tamponamento).
Nella concitazione del sinistro dopo essermi recato come prassi al p.s con vertigini,dolori alla colonna ecc. Col passare dei mesi i dolori persistono è gli specialisti conclamano patologie agli arti sup. ed inf. problemi alla colonna cervicale, e lombo sacrale, con supporto psicologico. Per le patologie sopra indicate sono molto soddisfatta per la competenza dei medici.
La mia domanda per voi sarebbe? in concomitanza all'incidente si riscontra rilevati valori pressori "ipertensione arteriosa" (in precedenza i valori pressori erano sempre normali).Non ci sono casi di famigliarità. Ho eseguito tutti gli accertamenti (analisi, elettrocardiogramma, profili renali, non stasi polmonari, non soffi cardiaci, non soffi organici o addominali ecc ho avuto per 24 ore il controllo pressorio tramite Holter) Premetto che sono seguita da un centro ipertensivo e suppongo che sia in buone mani, ho assunto per un mese il NOBISTAR 5 mg n°1 cp al die.
Dopo un mese cambio medicinale e assumo ALONEB 5/25 n°1 cp al die.
Dopo questa terapia i valori si abbassano e sembrano accettabili.
Passano 3 mesi e seguendo la stessa terapia i valori sono di nuovo alti 175-110, il cardiologo che mi segue mi prescrive ulteriore farmaco da assumere dopo ALONEB ALLE 08,00 e alle 21,00 LIBRADIN 10 mg n°1 cp al die. Ed integrando potenziamento ansiolitico "sanax".eco che oggi riesco a dosare il SANAX e cosi regolare i livelli pressori. A questo punto il cardiologo conferma in relazionando che l'ipertensione si è scatenata in concomitanza da incidente stradale ma causata dal forte stato d'ansia e lo sckoc subito.
CHIEDO AI PROFESSIONISTI NEL SETTORE R.C.A ....PER LA SOLA PATOLOGIA "IPERTENSIONE ARTERIOSA" PUO' ESSERE RISARCITA COME DANNO BIOLOGICO COME NEL CASO IN QUESTIONE? E IN CHE PERCENTUALE O PUNTI E' STABILITA?
VI RINGRAZIO FRANCESCA

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
ritengo assai improbabile che possa essere stabilito un nesso di causalita' materiale fra l'evento lesivo e l'ipertensione arteriosa riscontrata, a meno che non venga accertata una forma di ipertensione secondaria (da stenosi dell'arteria renale, ad esempio).
Infatti ove si trattasse di "Ipertensione essenziale", per definizione tale forma non e' riconducibile a causa nota; ed il mero criterio del "post hoc, ergo propter hoc" non assume valore probatorio ai fini del nesso causale.
Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 386XXX

Ringrazio dott. Nicola Mascotti per la tempestiva e soddisfacente risposta, approfitto del sito e della sua disponibilità per chiedere se anche la sofferenza del nervo mediano sx e dx (tunnel carpale) come dice lei in precedenza "non assume valore probatorio ai fini del nesso causale".

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
anche la sofferenza del nervo mediano da tunnel carpale bilaterale è assai difficilmente correlabile causalmente ad un trauma come quello verificabile in un tamponamento.
Differente sarebbe se il deficit riguardasse le radici nervose a livello cervicale, che frequentemente sono interessate nelle cosiddette "whipple lesions".

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 386XXX

Dottor. Mascotti, come le dicevo in precedenza mi trovavo al posto di guida ma a macchina ferma ed in parcheggio ,sprovvisto di cinture e stavo per uscire dall'auto, ho riscontrato molte contusioni tra cui anche i polsi e il 1° raggio della mano dx, con terapia riabilitativa di magnetto e ultrasuoni per entrambi i polsi,ho eseguito visita neurologica con esito ipoestesia e cervicobrachialgia bilaterale, arti sup. di stilo ulnare e radiale ,bicipite e tricipite,tremore mano dx, RM cervicale ernia discale c5-c6 che impronta sul profilo vertebrale della corda midolare. Esame elettromiografico ed elettrodiagnostica, Sofferenza muscolare neurologica nel territorio di innervazione delle radici C6-C7 di destra...Sofferenza del nervo mediano destro e sinistro al polso.Il perito mi ha liquidata col la quantificazione del quattro ruote per il danno dell'auto,la macchina del sig. che mi è venuta a dosso è stata demolita, le faccio solo capire che il colpo è stato violento, anche se si chiama tamponamento, sicuramente i dolori sono causati anche dalla presa e rigidità che ho effettuato col volante. Non ho mai sofferto di dolore ai polsi.
La ringrazio ancora per la disponibilità.

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

la condizione "sofferenza muscolare neurologica nel territorio di innervazione delle radici C6-C7 di destra" è ben differente dalla "sindrome del tunnel carpale bilaterale" che citava nel precedente consulto, e potrebbe essere ascrivibile a postumi del trauma cervicale descritto.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#6] dopo  
Utente 386XXX

La ringrazio ancora una volta per la sua soddisfacente risposta.
le farò sapere se il suo consiglio è andato a buon fine.
distinti saluti.