Utente 388XXX
Buon giorno, a causa di cistite interstiziale mi è stata prescritta amitriptilina a bassi dosaggi. Ho letto in fari forum di Polizia Stradale che gli antidepressivi triciclici (tra cui quindi quello che assumo) vengono rilevati dai test per la guida sotto effetto di sostanze psicotrope.
I miei quesiti sono:
1) L'amitriptilina è presente in qualche tabella del dpr 309/90? (io non sono riuscito a trovarla). Se non è presente in alcuna tabella, anche in caso di positività al test come potrebbero contestarmi l'art 187 cds?
2) Nel caso in cui fosse presente in qualche tabella del dpr di cui sopra, il fatto di avere con me la prescrizione di un medico che mi prescrive quel farmaco può evitarmi la denuncia per il reato di cui all'art 187 cds? Le dosi sono basse e non mi creano alcuna alterazione psicofisica; altrimenti dovrei rinunciare all'uso dell'auto a causa di un farmaco che uso in pratica come antidolorifico?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,


Forse stiamo parlando di "false positività" per l'lsd ai test antidroga, possibili con l'amitriptilina. Molti medicinali, non solo neuro-psichiatrici, possono dare false positività, soprattutto se il test è grossolano (cioè è fatto per identificare i positivi a discapito di alcuni "falsi positivi").
Le false positività sono di solito chiarite dai test di secondo livello, anche se purtroppo per esperienza non sempre sono eseguiti (e che invece devono essere eseguiti sullo stesso campione, in caso di positività).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 388XXX

Gentile Dottore, no, non sto parlando di cross-reactivity o di false positività, ma proprio di positività reali agli "antidepressivi triciclici" (di cui l'amitriptilina fa parte).
Gli antidepressivi triciclici infatti vengono ricercati nei test della polizia stradale, come si può vedere da questo pdf a pagina 32 http://www.iss.it/binary/ssps/cont/st.cariddi%20alcool.1164970396.pdf

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Si può cercare qualsiasi cosa. Le sostanze illegali sono una cosa, quelle consentite a meno che non si dimostri che ne era intossicato un'altra.
Non mi risulta che nei comuni test di screening per la sicurezza stradale si cerchino i farmaci non tabellati.

Potrebbero contestarle l'articolo se per qualche motivo dovessero ricercare in maniera approfondita e vi fosse evidenza di uno stato di alterazione. Oppure semplicemente perché risulta che lei ne faccia uso (che ne so, trovano la ricetta sul sedile ad esempio). Però non si tratta di un divieto secco, ma di una raccomandazione relativa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 388XXX

Non capisco: la guida sotto l'effetto di amitriptilina è vietata o no? Nel secondo caso anche se dovessero trovare la ricetta sul sedile, o addirittura la boccetta del farmaco o se io stesso dichiarassi di averla assunta, la denuncia per il 187 cds non dovrebbe scattare, o sbaglio? Grazie del chiarimento

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, non è vietata. Ma non sono soltanto le droghe illegali tabellate a poter produrre effetti sedativi, e soprattutto ci sono condizioni considerate "a rischio" generico per la sicurezza stradale. Epilessia, diabete, e anche i disturbi psichici.

Non è che ci si debba per forza trovare un senso, sono legislazioni "difensive" che mirano a deresponsabilizzare chi rilascia le certificazioni di idoneità, non sempre hanno un senso e non sempre gli accertamenti che si fanno hanno un senso.

Se una persona si cura e non presenta segni riconoscibili di alterazione, assume dosi terapeutiche, non vi è evidenza che abusi del medicinale, o non lo associa con altro, fino a prova contraria è idoneo.

Nel caso di incidenti stradali però qualcuno potrebbe contestare la guida in stato di alterazione (ad esempio l'assicurazione se non sapeva già dell'amitriptilina e lo viene a sapere dopo). Che dopo gli incidenti stradali si faccia il dosaggio degli antidepressivi non è una regola: personalmente non l'ho mai visto fare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it