Utente 823XXX
Salve,

Ho 33 anni e sono in buona salute, a parte un colon irritabile che mi rende gonfia praticamente giornalmente.
A seguito di un dolore addominale continuo, sopportabile, ma che durava da ormai due-tre settimane (e che in origine avevo attribuito, appunto, al colon) ho deciso di fare un'ecografia addominale. E' emersa una diagnosi di colecistite subacuta lisiaca. Il referto riporta quanto segue:

Colecisti normodistesa, con pareti modicamente ispessite, contenente calcoli di 24 mm e 17 mm.

L'ecografista ha riferito che la colecisti appare un po' infiammata e mi ha suggerito di consultare un chirurgo.
Premetto che si tratta di un disturbo ereditario, anche mio nonno e mia madre ne hanno sofferto (mia madre ha subito una colecistectomia per via laparoscopica).
Cosa mi consigliate di fare? Seguo già una dieta povera di grassi, non mangio carne rossa e consumo 1-2 uova a settimana, pochi insaccati, moltissima frutta e verdura di stagione, pochi dolci e condimenti elaborati. Anche il mio medico curante mi ha consigliato una visita chirurgica, soprattutto in previsione di una seconda gravidanza (ho una figlia di 10 mesi). E' veramente il caso?

Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo

24% attività
4% attualità
12% socialità
RICCIONE (RN)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Buonasera,
il suo Medico l'ha consigliata per il meglio!
La colelitiasi è una patologia di pertinenza chirurgica e sopratutto per il fatto che i suoi calcoli sono di piccole dimensioni questi potrebbero migrare.
Saluti
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo

[#2] dopo  
Utente 823XXX

Grazie dottore!
Il consulto ha carattere di urgenza o posso attendere i tempi di prenotazione di una normale visita?

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo

24% attività
4% attualità
12% socialità
RICCIONE (RN)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
non conosco i tempi d'attesa nel suo Ospedale di riferimento.
Da quello che lei ha descritto non mi sembra che vi siano i caratteri dell'urgenza.
Come regola del SSN, il Chirurgo che la visita cataloga il grado di priorità.
Saluti
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo