Utente 444XXX
Salve
Ad Agosto mi sono infortunato sul lavoro lesionandomi con una barra di acciaio il flessore ulnare del carpo.
Mi sono recato immediatamente al pronto soccorso e mi hanno dato una prognosi di 40 giorni.
Dopo 2 giorni dall infortunio ho subito una tenorrafia del FUC e dopo circa 20 giorni mi è stato tolto il gesso.
Ho fatto una decina di fisioterapie e dopo la scadenza della prognosi ho avuto una continuazione dell infortunio dall inail per permettermi di guarire.
Ad Ottobre nonostante il dolore e la difficoltà anche solo a stringere un po' piu forte la mano l Inail mi chiude l infortunio, rimandandomi dopo 6 mesi dalla chiusura della temporanea x una visita con il medico legale, quindi sono dovuto tornare a lavorare nonostante avessi ancora dolore e la difficoltà nel fare certi movimenti.
Ad oggi non mi è stato ancora quantificato il danno biologico e siccome la mano non mi è più tornata come prima, avendo pure una cicatrice molto fastidiosa volevo chiedervi se secondo voi ho diritto ad un' indennità del danno?

Inoltre il mio datore di lavoro può licenziarmi a causa di una crisi aziendale?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Certamente, vada da un medico legale per un parere di parte in ambito INAIL.

Il licenziamento può sempre avvenire per crisi aziendale.

cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona