Utente 415XXX
Gentilissimi dottori, ho 44 anni da 4 anni in cura da uno psichiatra ASL, Che mi ha diagnosticato un DISTURBO DEPRESSIVO GRAVE in costanza di terapie, e un DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO GRAVE (DOC). Vorrei presentare domanda di invalidità civile, a che pervenute posso ambire? Nella tabella di invalidità civile non trovo i codici di riferimento, giusto per avere un idea, mi potreste suggerire a quali codici potrebbero corrispondere le mie patologie. VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE.

[#1] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
Come già le hanno risposto i miei esimi colleghi nelle sue precedenti richieste, non è possibile ipotizzare percentuali non conoscendo tutta la documentazione e senza aver valutato clinicamente il paziente.
Detto questo solo ed esclusivamente per darle un orientamento di lettura della tabella delle invalidità le riepilogo qui di seguito:
Relativamente al disturbo depressivo grave i codici in questione sono il 2210 o 2206 a seconda che la sua patologia sia di tipo endogeno o di tipo reattivo. Come vedrà la differenza di percentuale è significativa.
Per quanto riguarda il DOC certamente si deve attribuire un codice per analogia che del tutto genericamente si potrebbe pensare di assegnare il codice 1201, 1202,1203 o 1204. Anche in questo caso come vedrà la percentuale è molto variabile.
Tenga però presente ancora che, assegnato il codice a ciascuna patologia, si dovrà definire la percentuale finale che non potrà essere la somma aritmetica delle due percentuali ma, essendo le patologie concorrenti, si deve esprimere una valutazione complessiva che “deve di norma consistere ....... in un valore percentuale proporzionale a quello tariffato per la perdita totale anatomo-funzionale dell'organo o dell'apparato”.
Detto ciò come vede, previsioni di valutazione in assenza di dati certi è quantomeno azzardata e potrebbe deludere le sue “aspettative”.
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro