Utente 497XXX
Salve vi sottopongo brevemente il mio problema. Insufficienza renale cronica trattata con trapianto. Con verbale fatto l'anno prima, mi veniva concessa una disabilità del 86% circa. Ora da trapiantato dovrebbero farmi la revisione. Dico dovrebbero perché il verbale scadeva a giugno del 2018 e ancora non mi è arrivata alcuna comunicazione circa la revisione. Ora, ammettiamo che per gennaio mi fanno la visita di revisione e che da quest'ultima mi trovano migliorato facendomi scendere, come è giusto che sia, la percentuale, togliendomi i diritti dati dal ormai vecchio e scaduto verbale. Il problema è che da giugno mi arrivano ancora le mensilità dell' assegno per disabilità. Dovrei restituire le cifre prese da giugno fino ad adesso? Mi hanno detto di no al patronato ma vorrei avere conferma. Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
concordo con l'interpretazione del Patronato, in quanto a mio parere in caso di revisione con perdita dei benefici economici questa non deve essere retroattiva, ma decorrere dalla data della revisione.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 497XXX

Grazie della risposta Dottore.
Visto quello che mi ha detto allora è meglio ( per sicurezza) che a partire dal giorno della revisione conservo i soldi. Cosi per essere sicuro. L'importante è che la cosa non è retroattiva alla data di revisione. In giro ho appunto letto una legge che dice che fino a quando non c'è la revisione tutti i diritti permangono.
Grazie di nuovo Buona giornata.