L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente cancellato
Egregio dottore,

apro questo consulto per chiedere come interpretare le diluizioni dei nosodi che mi vengono prescritti. Al momento sto assumendo la D30 di un virus e la D8 di un batterio. In precedenza mi era stata prescritta la D6 di quello stesso virus.

Ho letto che le diluizioni omotossicologiche vanno dalla D6 alla D200, per cui vorrei capire se D6 indica che piccola infezione e D200 profonda infezione, o viceversa.

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Ettore Vallarino

28% attività
0% attualità
12% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Le consiglierei di rivolgere queste domande ad un laureato in fisica, oltre che, naturalmente, ad un medico omeopata. Personalmente non ho competenze, ma adoro i contradditori intellettuali. Cordiali saluti
http://www.medicitalia.it/ettorevallarino

[#2] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il numero di diluizioni al quale fa riferimento non è proporzionale alla gravità dell'infezione che si vuole trattare; tradizionalmente più è alta la diluizione maggiore è lo stimolo terapeutico psico-fisico complessivo del paziente.
Questo è un concetto omeopatico puro che è stato estrapolato anche nella formulazione e nella prescrizione dei nosodi.

La prescrizione delle differenti diluizioni di nosode segue in parte degli schemi precostituiti, molto è in funzione dell'esperienza del singolo medico.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#3] dopo  
73116

dal 2011
Gentile dottor Leone, è possibile che un paziente tragga benefici solo da certi tipi di rimedi omotossicologici?

La mia situazione è un po' particolare e complessa, con esami del sangue che mostrano un sistema immunitario molto debilitato.

Quello che ho potuto sperimentare nell'arco di un anno e mezzo di cure è che i nosodi e gli organoterapici funzionano sempre, con efficacia e rapidità. Invece gli unitari richiedono periodi di somministrazione doppi o tripli rispetto al paziente medio (per esempio, 6 mesi invece che 2 per avere risultati stabili e definitivi).

Se ne può dedurre qualcosa? Ha dei consigli o domande?