L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 137XXX
Gentili dottori,
sono una ragazza di 20 anni, sino ad ora non ho mai avuto particolari patologie. Utilizzo dall'aprile 2008 il contraccettivo ormonale Evra.
Dallo scorso settembre ho cominciato a far caso ad alcuni disturbi, che non potevo più trascurare. Dopo indagini di vario tipo ho scoperto di aver avuto la mononucleosi, i risultati di dicembre dicevano: EBV IgM anti-VCA NEGATIVO 0,1 EBV IgG anti-VCA POSITIVO 11,4.

Premetto che non avevo molta fiducia nel mio medico di base ma adesso... Nnonostante i miei malesseri non riteneva necessario procedere con delle analisi del sangue approfondite (diceva di fare soltanto quelle di routine, prendere degli integratori di vitamine per la stanchezza cronica e delle pillole a base di Bromelina per l'infiammazione delle ghiandole). Perchè si convincesse a fare le ricette, ha dovuto prescriverle il ginecologo.

Ho avuto, infatti, anche problemi ginecologici... Il medico di base riteneva che per i dolori che si erano acutizzati sarebbero bastati 2 kiwi al giorno. Insomma, credeva che non avessi nulla, ma che volessi soltanto lamentare dei disturbi. Cosa che non ho mai fatto in vita mia, soltanto adesso mi stavo preoccupando e volevo delle analisi e delle visite approfondite, dato che dopo mesi i disturbi di varia natura non accennavano a passare.
Dopo un tampone è risultato essere Candida albicans. Ne avevo già sofferto in passato, credo che lo stress e scarse cure in passato (dolori cominciati a maggio, cura "seria" effettuata soltanto pochi giorni fa) abbiano peggiorato le cose. Per questa mi è stata prescritta una cura che spero abbia effetto, comunque terrò d'occhio la cosa con visite ginecologiche.

Il problema è che continuo a riscontrare rigonfiamento e dolore delle ghiandole ed una stanchezza ormai cronica, da 4 mesi ho dovuto sospendere l'attività universitaria e ho difficoltà nello svolgere le normali attività, mi ritrovo forzata ad una vita molto sedentaria...in periodi particolari, come questi giorni di festa, dopo mi ritrovo molto affaticata.
Ho letto che la CFS Sindrome da affaticamento cronico non è affatto da sottovalutare...
Sto cercando un medico omeopata nella mia città, poichè ho molta fiducia nelle medicine "alternative". Credo che forse sentirò anche altri medici...mi consigliate di rivolgermi a medicina interna, per esempio?

Nel frattempo, esiste qualcosa che possa fare?
Ho letto di alcune gocce: elaps complex, thuja complex, sulfur complex, derivatio H pflugerplex.. Ho trovato le composizioni, ma non essendo un'esperta non so quale siano le indicazioni terapeutiche. A cosa servono? Sono efficaci per il mio problema?
Oggi ho cominciato ad assumere Immuniflor (echinacea, uncaria, zinco, vitamina C e fermenti tindalizzati).

Spero possiate aiutarmi, questa situazione mi fa sentire giù anche psicologicamente... Ho grande desiderio (diciamo necessità) di tornare a svolgere una vita da normale studentessa, dedicarmi allo studio e ai miei hobby.
Grazie in anticipo e buone festività!

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
l'omeopatia può esserle certamente d'aiuto a recuperare le forze stimolando le sue difese naturali. Le cure devono però essere strettamente individualizzate e decise da un medico omeopata esperto previa visita diretta. Le consiglio di lasciar perdere quei rimedi omeopatici che cita perchè se non c'è una precisa indicazione per assumerli, saranno assolutamente inutili se non dannosi.
Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#2] dopo  
Utente 137XXX

La ringrazio molto per la celere risposta!
Mi sono già mossa e credo di aver trovato un buon medico omeopata nella mia zona, procederò con l'incontrare questo medico ed un medico di medicina interna che mi è stato consigliato.
Nel frattempo faccio bene ad assumere Immunilflor per favorire le difese immunitarie?
Porgo i migliori auguri per un felice anno nuovo

[#3] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
A mio giudizio è meglio astenersi.
Auguri a lei.
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#4] dopo  
Utente 137XXX

Posso chiederle come mai mi consiglia di non assumerlo?
Grazie

[#5] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Certamente. Anche se sono sostanze naturali non vuol dire che facciano bene o che siano utili per chiunque. A volte capita che una sostanza, anche se naturale, possa causare degli effetti indesiderati quindi, a meno che non sia veramente indicata, a mio giudizio è meglio non rischiare.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#6] dopo  
Utente 137XXX

Gent.ssimo dott. Ascani,
la scorsa settimana mi sono recata da un medico omeopata.
Durante la visita, il medico ha cercato di fare un'anamnesi completa e durante la prossima visita comunicherò anche le patologie di famiglia.
Per il momento mi ha detto di misurare la temperatura 5 volte al giorno per capire in quali orari vi è il "picco" e scrivere prima della misurazione come mi sento in quel momento.
Mi ha detto di provare ad eliminare gli zuccheri aggiunti, tè, caffè, cioccolato e di provare la pasta integrale biologica.

Partendo dal presupposto che per me è alquanto difficile privarmi di queste cose, sopratuttto zuccheri e cioccolato... Sul momento non ho pensato di chiedere indicazioni specifiche al dottore, ma adesso mi ritrovo con un "problema". Per la colazione, la merenda mi viene difficile pensare ad alimenti senza zuccheri aggiunti... Mi sono resa conto che nella maggior parte delle cose che si mangiano, gli zuccheri sono presenti... I biscotti durante la colazione, qualcosa al bar se mi trovo fuori casa, e così via...
Saprebbe darmi qualche indicazione al riguardo?

La ringrazio ancora

[#7] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Si, cerchi alimenti che contengano soprattutto grassi e proteine. Ottima è la frutta secca a guscio (noci, mandorle, arachidi ecc.), lo yogurt bianco intero (non il Muller), la ricotta con un pò di zucchero di canna, gli affettati, il formaggio (tipo il parmigiano) o la colazione all'americana (omelette, prosciutto e formaggio). Un'altra buona variante è mangiare una mela piccola a fette accompagnata con burro d'arachidi biologico.
Lo so, non è facile, bisogna ingegnarsi un pò ma le possibilità sono tante.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it