L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 144XXX
Buongiorno.Ho da poco iniziato una cura per una tiroidite (anticorpi anti-tpo alti: 160 IU/ml con range 0-9. Per il resto tutto nella norma) utilizzando l'omotossicologia.
Questa è la cura:
- GUNA T4 D6 gocce
- GUNA T3 D6 gocce
- Glonoin homaccord gocce
- Homeos 25 gocce
- FUCUS COMPOSITUM HEEL fiale
- GLANDULA THYREOIDEA SUIS INJEEL FORTE fiale
Ho letto varie cose su internet relative a tale argomento, ma da nessuna parte son riuscito a trovare esperienze di persone che hanno avuto un qualche successo con tale cura o con cure simili omotossicologiche.
Pertanto la domanda è: c'è qualcuno che ha avuto successo con qualche cura omotossicologica relativamente a problemi di tiroidite?
Del resto solo la statistica potrà dirci se una data cura funziona o meno!
Grazie in anticipo a chi vorrà rispondere.

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
comprendo la sua richiesta di conforto da parte di altri pazienti che abbiano trattato positivamente problemi di tiroide con l'omotossicologia ma in questo spazio non potranno risponderle, qui l'utenza pone quesiti ai quali corrispondono pareri medici.
Se può interessarle mi permetto di riferire che quando ben prescritte queste cure danno ottimi risultati terapeutici.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 144XXX

Grazie per la risposta. Vista la sua disponibilità le riporto in dettaglio la mia situazione.
Ho 37 anni e in passato ho avuto alcuni episodi di fibrillazione atriale.
L'anno scorso, in seguito ad un ripetuto episodio di fibrillazione atriale (erano circa 8 anni che non avevo più tali episodi), il mio cardiologo mi prescrive degli esami del sangue per la tiroide.
Il risultato di tali esami a febbraio 2009 sono i seguenti:

- FT3: 4,7 pmol/l (range: 3,8-6)
- FT4: 9,4 pmol/l (range: 8-20)
- TSH: 2,4 microU/ml (ipotiroidismo > 7; ipertiroidismo < 0,15)
- Tireoglobulina (hTG): 0,8 ng/ml (range: 1,2-130)
- Anti HTG (antitireoglobulina): 7,2 IU/ml (range: 0-5)
- Anti TPO: 242,2 IU/ml (range: 0-9)

Successivamente il 12/03/2009 effettuo una ecografia colordoppler Tiroide-Paratiroidi col seguente referto:
"Esame ecografico eseguito con sonda lineare da 9 Mhz e preset dedicato. L'odierno controllo documenta tiroide con lobo dx di dimensioni ai limiti superiori e lobo sx nei limiti della norma (Lobo dx: 1,8x3,6 cm; Lobo sx: 1,5x3,3 cm).L'ecostruttura appare disomogenea anche per la presenza di minute areole ipoecogene. Non sono evidenti lesioni focali solide ecorilevabili.
La successiva integrazione diagnostica con Color Doppler ha evidenziato disomogeneo incremento del segnale vascolare intraparenchimale.
Trachea apparentemente in asse. Subcentimetriche formazioni linfonodali con caratteristiche ecografiche di reattività in sede laterocervicale bilateralmente.
Il quadro descritto appare compatibile con condizione di titoidite acuta.
Si rimanda al confronto con esami di funzionalità tiroidea (ormoni ed anticorpi) e valutazione specialistica Endocrinologica."
Il mese seguente effettuo una visita dall'endocrinologo, il quale mi prescrive Normotir per un mese 1 capsula al giorno e l'esame dell'Helicobacter Pyl che eseguo e risulta positivo.
Dopo tale visita non rivado più a controllo dall'endocrinologo.
Infine a Gennaio 2010 rieseguo gli esami del sangue per la tiroide con i seguenti risultati:

- FT3: 4,88 pmol/l (range: 3,8-6)
- FT4: 9,75 pmol/l (range: 8-20)
- TSH: 3,05 microU/ml (ipotiroidismo > 7; ipertiroidismo < 0,15)
- Anti HTG (antitireoglobulina): 2,5 IU/ml (range: 0-5)
- Anti TPO: 160,8 IU/ml (range: 0-9)
- Anticorpi Anti TSH (Ab Anti Recettori): 0,75 U/l (assenti < 1,0)

Quindi come si vede dagli esami, la situazione è migliorata senza effettuare alcuna cura eccetto Normotir preso per un mese ad Aprile 2009.
Alla luce di ciò l'omotossicologia può aiutarmi?

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Omeopatia ed omotossicologia possono sicuramente aiutarla.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica