L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 128XXX
Salve,
vorrei un'informazione. Sono entrata nell'ottavo mese di gravidazna e vorrei sapere se ci sono prodotti omeopatici che sarebbe meglio assumere in vista del travaglio e della dilatazione. Ho letto in alcuni opuscoli che si potrebbero assumere granuli a base di Pulsatilla, Caulophyllum e Cimicifuga. In altri opuscoli ho letto che quanto sopra non serve a nulla, ma è meglio assumere Arnica 200 CH dose (1 dose prima di entrare in sala parto e 1 dose dopo il parto).
Vorrei a questo punto un Vostro gentile parere in merito in quanto, essendo già nell'ottavo mese, forse è utile iniziare ad assumere qualcosa. Nel caso Vi chiedo di indicarmi anche le modalità e tempi di assunzione della omeopatia suggerita.
Grazie in anticipo e buon week end.

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
non è così che funziona l'omeopatia, non esistono terapie standardizzate che vadano bene per tutti. L'omeopatia può aiutare molto in caso di travaglio, riducendone il tempo, il dolore e facilitando il parto in generale ma le cure devono essere individualizzate sul paziente dopo una visita medica adeguata fatta da un omeopata esperto.
Le sconsiglio di assumere quei prodotti alla cieca e di usare prodotti omeopatici solo per "sentito dire" altrimenti avrà delle grosse delusioni.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it