L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 144XXX
Gent. dottori
nei giorni scorsi ho fatto fare a mia figlia di 4 anni una visita omeopatica sia dalla sua pediatra di base, che utilizza anche omeopatia, sia da una pediatra omeopata unicista. Voglio infatti cercare di affrontare l'inverno con una cura preventiva e inoltre trovare una valida alternativa all'utilizzo di antibiotici e cortisonici per curare tosse , raffreddore , faringiti , tonsilliti , otiti .... di cui mia figlia soffre spesso .
Sono rimasta soddisfatta dal primo approccio a questa medicina se non per un dubbio.
Dalla prima visita la pediatra ha classificato mia figlia come una bambina "calcarea carbonica" dando il relativo rimedio come rimedio base. Mentre l'altra pediatra l'ha classificata come bambina "pulsatilla" dando il relativo rimedio.
Vorrei sapere che differenza c'è tra uno e l'altro , se sono rimedi simili e sostituibili uno all'altro.

Vi ringrazio fin da ora e vi saluto

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
i due farmaci si riferiscono a tipologie che hanno tratti simili e, nell'età infantile, piuttosto frequenti.
E' probabile che nelle due visite una collega abbia posto l'accento prevalente sulle caratteristiche emozionali della piccola, l'altra abbia rilevato in prima istanza le caratteristiche fisiche.
Sarebbe utile sapere quale diluizione del farmaco e quale frequenza di somministraione è stata proposta.

I due approcci non sono l'uno migliore o peggiore dell'altro, ma è probabile che, partendo da posizioni lievemente differenti, compiano poi un percorso molto simile.
E' tuttavia importante per la paziente (in questo caso per i genitori della piccola) operare una scelta e continuare sulla strada tracciata dal medico omeopata che la seguirà, riservandosi le possibilità di richiedere un parere diverso soltanto se le aspettative di cura non saranno soddisfatte.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 144XXX

Dr Scuotto
la ringrazio per la tempestiva risposta. Queste sono le due cure prescritte a mia figlia:

Omeopata unicista
Pulsatilla 30 ch granuli (3 granuli per 4 mattine)
Sankombi gocce (5 gocce 1 volta al giorno per 2 mesi)
Manganese-Rame fiale (1 fiala 3 mattine alla sett. per 6 sett.)
R86 spray nasale (3 volte al di per una sett.)
Nuovo controllo tra 2 mesi

Pediatra
Calcarea Carbonica 30 ch granuli (10 granuli 1 volta al mese per 6 mesi)
Manganese-Rame fiale (1 fiala 2 volte a settimana per 3 mesi)
Omeogriph (una dose a settimana per 6 mesi)

Inoltre le chiedo se potrebbe consigliarmi un buon libro che mi introduca all'omeopatia.

La ringrazia ancora e la saluto