L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 257XXX
Buonasera!
Ho bisogno, se possibile, di un vostro chiarimento.
Premetto che Sono una ragazza che ha sempre avuto problemi riguardo il peso. Ho fatto molti accertamenti, esami del sangue e visite varie...tutto é risultato a posto, Tranne la calorimetria piuttosto alta. Il mio metabolismo é molto accelerato, addirittura consumo circa 1000 calorie a riposo.
Mangio con regolarità, pasti non troppo abbondanti che comunque rispecchiano il mio appetito. Insomma, mantengo il mio peso, senza aumentare ne diminuire.
Ho sentito parlare del Fieno greco...mi sono documentata anche tramite internet ed ho appunto letto che fa ingrassare, aumentare la massa muscolare ed ha altri benefici. É vero? É un medicinale che deve prescrivere il medico (dietologo?)? É una sostanza che può danneggiare l'organismo, creando magari dipendenza?
Sto escogitando davvero di tutto per poter mettere su qualche kg, ma a quanto pare questa è la mia costituzione... Il fieno greco potrebbe aiutarmi? Ovviamente seguito da una dieta sana ed equilibrata.
Ringrazio per l'attenzione. Il sito Medicitalia è davvero utile, i medici sono tutti gentili e disponibili. Grazie ancora.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
il fieno greco contiene alcuni principi attivi sul metabolismo in grado di facilitare il passaggio di alcuni aminoacidi nelle cellule muscolari. Interferisce inoltre con l'attività ormonale (estrogeni, prolattina, testosterone).
Non provoca dipendenza, ma ha alcune controindicazioni: in particolare nelle malattie metaboliche (diabete), nella contemporanea assunzione di anticoagulanti ed è sconsigliato in gravidanza.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 257XXX

Ringrazio infinitamente per la gentile risposta e la spiegazione. Cordiali saluti.