Utente 127XXX
Gentili dottori,
ho un suocero di 85 anni a cui è stata diagnosticata una “insufficienza renale cronica da verosimile nefroangiosclerosi”.
I valori delle analisi del sangue e dell’urina del 21 gennaio u.s. sono i seguenti:
AZOTEMIA 66mg/dl
URICEMIA 5,3mg/dl
CREATININEMIA 1,7mg/dl
SODIEMIA 142mEq/l
POTASSIEMIA 4,9mEq/l
CLORUREMIA 107mEq/l
FOSFOREMIA 3,0mg/dl
MAGNESIEMIA 1,8mg/dl
AZOTURIA 19g/24h
Poiché ha avuto una madre in dialisi in tarda età(a quasi 90 anni), è anch’egli a rischio?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

la diagnosi di insufficienza renale cronica fatta a suo suocero è sicuramente inoppugnabile. La "verosimile nefrangiosclerosi" significa che la causa dell'insufficienza renale è stata probabilmente l'ipertensione arteriosa.

Dai dati che lei ha postato, risulta che i reni di suo suocero funzionano circa al 35% del normale. Tale valore non è immediatamente preoccupante.Un dato puntuale, del resto, non consente di esprimere un giudizio di prognosi solido.

Il consiglio è quello di rivolgersi ad un ambulatorio nefrologico, che farà di tutto per rallentare il più possibile l'ulteriore peggioramento della funzione renale.

Come sarà già stato spiegato, questo vuol dire:
- mantenere la pressione entro valori normali (130/80), sia con i farmaci sia riducendo l'assunzione di sale (cloruro di sodio) nella dieta
- tenere sotto controllo il colesterolo
- se diabetico, tenere sotto stretto controllo la glicemia
- limitare l'introito di proteine con la dieta;
- evitare di usare farmaci potenzialmente dannosi per i reni

Se si riuscisse a limitare tutti i fattori che possono favorire la progressione della insufficienza renale, la progressione stessa sarebbe talmente lenta che probabilmente suo suocero non avrà mai bisogno di fare la dialisi.

Gli stessi nefrologi provvederanno alla valutazione periodica di altri parametri che possono indicare la comparsa di complicanze dell'insufficienza renale.

Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia