Utente 659XXX
Salve,
a seguito di una ecografia all'addome, per problemi di bruciore nella minzione e gonfiore addominale, a mia madre (64 anni) è stato riscontrato un calcolo "di dimensioni medie" (parole del referto) al rene sinistro.
Il calcolo è fermo e i medici dicono di non preoccuparsi; intanto le hanno prescritto Spasmex per 3 volte al gg e le hanno consigliato di bere molto (cosa che mia mamma fa poco).
Secondo voi, è corretto non fare nessun altro tipo di cura oppure intervento?
Ci sono cibi da evitare oppure prediligere, e particolari acque da bere?
Grazie, saluti
Elisa.

[#1] dopo  
Dr. Massimo Gai

24% attività
8% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
ALASSIO (SV)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Data la presenza del calcolo sarebbe utile indagarne la natura: a tale scopo potrebbe essere utile un esame urine di secondo livello con indagine degli eventuali cristalli presenti nel sedimento. Vanno poi indagati i vari fattori di rischio con una raccolta urine 24h: sodiuria 24h, uricuria 24h, calciuria 24h, fosfaturia 24h, ossaluria e citraturia, pH urinario. Esistono delle terapia che in associazione alla terapia idropinica (bere molto!!) possono aiutare a ridurre le dimensioni del calcolo e ad evitare che se ne formino altri.

Saluti
Dott. Massimo Gai
Medico-Chirurgo
Specialista in Nefrologia
SCU Nefrologia

[#2] dopo  
Utente 659XXX

Buongiorno dottore,
La ringrazio per la dettagliata risposta.
Le riferisco a mia madre e Le faccio sapere come vuole procedere.
Le auguro una buona giornata,
Elisa.