Utente 832XXX
Sono una ragazza di 41 anni che da sempre molto probabilmente o in ogni caso da 25 anni come dimostrato da referto di ricovero per tutt'altra cosa riscontra negli esami urine proteinuria.(25 anni fa nella raccolta delle 24 ore era 2,4 grammi) Nessuno ha dato mai importanza alla cosa perchè tutti i valori renali ottimi (creatinina 0,9 sodio potassio nella norma)Un anno fa per caso faccio analisi sangue e urine e trovo 8,5 grammi proteine valore che una settimana dopo era 2,5.Il medico curante mi invia dal nefrologo ospedaliero il quale mi dice che ho avuto molta fortuna ad non avere mai problemi ma mi consiglia una biopsia renale.Diagnosi di glomerulosclerosi focale e segmentale.Parte la terapia con cortisone che doveva protrarsi 6 mesi ma dopo 3 mesi di valori di 2,6 2.3 1,8 2,4 di proteinuria sospendo per i notevoli effetti avversi.Ogni 3 mesi ripeto gli esami e trovo sempre 1,6 con creatinina o,9 mentre durante la cura era salito fino a 1,3 per poi calare immediatamente sospeso il trattamento.Rivoltami ad un amico nefrologo questi mi consiglia di prendere triatec 2,5 anche se la mia pressione è 85 125. Cosa ne pensa lei ? Questo mio amico mi dice di non fare altro perchè se in tanti anni la situazione è rimasta tale non farebbe altre cose...... Grazie infinite la prego mi risponda perchè sono molto ansiosa

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Conti

24% attività
0% attualità
8% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
certamente ha avuto fortuna che la glomerulosclerosi non abbia determinato dopo tanti anni una perdita della funzione renale. Però è da precisare che non tutte le glomerulosclerosi focali presentano un decorso verso l'insufficienza renale. Non ha precisato se in base alle indagini che ha effettuato si sia pensato ad una glomerulosclerosi idiopatica o secondaria. Inoltre la glomerulosclerosi è una diagnosi generalizzata ed è importante però quello che c'è descritto nell'esame istologico (qualche segno istologico di malattia in fase acuta?).
Ritengo che il suo amico nefrologo le abbia dato un buon consiglio. Il farmaco consigliato fa parte di una classe di farmaci ACE-inibitori che hanno la capacità di ridurre la proteinuria e soprattutto di rallentare la progressione del danno renale, perchè interviene nell'inibizione di fattori che provocano sclerosi del rene.
Controlli pertanto la proteinuria almeno una volta al mese per valutare l'efficacia. In caso di inefficacia ci sono alternative.
La saluto
Dr. Giovanni Conti
Specialista in Pediatria e Nefrologia

[#2] dopo  
Utente 832XXX

Gentilissimo dott Conti,
la ringrazio per avermi risposto.Le scrivo quanto riportato sul referto istologico.Sezione di frustolo di parenchima renale lungo 7mm comprendente 4 glomeruli otticamente privi di alterazioni di rilievo,ad eccezione di uno che presenta una vasta area di sclerosi segmentale.L'interstizio presenta aree di fibrosi in corrispondenza delle quali i tubuli appaiono distrofici con fenomeni di disepitilizzazione e riepitelizzazione.I vasi non presentano alterazioni di rilievo.L'esame tramite IFD condotto su un frustolo congelato comprendente un glomerulo in avanzata sclerosi ha evidenziato positività mesangiale diffusa per igM ,negatività per igA, igQ ,C1Q,C3,fibrinogeno,catene legger kappa e lambda.Il quadro orienta per la diagnosi di glomerulosclerosi focale e segmentale,variante classica.Mi consigliava di prendere il triatec e ripeter mensilmente esami urine;per poter dire che il farmaco ha effetto già dopo un mese la proteinuria si deve abbassare? deve scomparire ?Dopo quanto tempo si può dire che la cura è efficace ? altrimenti cosa fare ? Scusi tutte queste domande ma sono molto ansiosa grazie infinite

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Conti

24% attività
0% attualità
8% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile Signora
il numero dei glomeruli esaminati non è numeroso.
La riduzione della proteinuria si potrebbe ottenere nel primo mese o dopo. Bisogna monitorizzare la proteinuria e la funzione renale ogni mese almeno nei primi 3 mesi per avere un'idea della risposta.
Saluti
Dr. Giovanni Conti
Specialista in Pediatria e Nefrologia

[#4] dopo  
Utente 832XXX

Gent. Dott. Conti,
La ringrazio per la sua risposta, seguirò i suoi consigli e le farò sapere prossimamente.Grazie

[#5] dopo  
Utente 832XXX

Gent.Dott.Conti,
le avevo scritto circa 4 mesi fa per un consulto riguardante un eccesso di proteine nell'urina,riscontrato da almeno 25 anni o forse più.Su suo consiglio e su consiglio di un amico nefrologo ho assunto triatec 2,5 per 3 mesi abbondanti.Ripetute le analisi queste sono invariate proteinuria 1,6 e creatinina da 0,9 a0,97.La pressione misurata era molto spesso bassa in particolare la massima in media sui 105 ma talvolta sotto i 1oo.La minima era intorno ai 75-77. Informato il mio nefrologo sui valori pressori anche lui conveniva che questi erano un po bassi e siccome ciò mi procurava sonnolenza e stanchezza mi diceva di prendere mezza compressa.Prendendo mezza compressa la pressione è115 -80. Se non prendo niente ho 120 max 130 e la minima da 80 a 86. Cosa devo fare ? esistono cure non così pesanti e inefficaci come il cortisone che nel mio caso non ha sortito effetto ? Qualche antiinfiammatorio naturale ?é sufficiente monitorare la funzionalità renale ogni 3 mesi ? Attendo fiduciosa una sua risposta ,grazie

[#6] dopo  
Utente 832XXX

Gent.Dott.Conti,
le avevo scritto circa 4 mesi fa per un consulto riguardante un eccesso di proteine nell'urina,riscontrato da almeno 25 anni o forse più.Su suo consiglio e su consiglio di un amico nefrologo ho assunto triatec 2,5 per 3 mesi abbondanti.Ripetute le analisi queste sono invariate proteinuria 1,6 e creatinina da 0,9 a0,97.La pressione misurata era molto spesso bassa in particolare la massima in media sui 105 ma talvolta sotto i 1oo.La minima era intorno ai 75-77. Informato il mio nefrologo sui valori pressori anche lui conveniva che questi erano un po bassi e siccome ciò mi procurava sonnolenza e stanchezza mi diceva di prendere mezza compressa.Prendendo mezza compressa la pressione è115 -80. Se non prendo niente ho 120 max 130 e la minima da 80 a 86. Cosa devo fare ? esistono cure non così pesanti e inefficaci come il cortisone che nel mio caso non ha sortito effetto ? Qualche antiinfiammatorio naturale ?é sufficiente monitorare la funzionalità renale ogni 3 mesi ? Attendo fiduciosa una sua risposta ,grazie

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Conti

24% attività
0% attualità
8% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile Signora
effettivamente sembrerebbe di non aver ottenuto un buon controllo della proteinuria. Dall'altro lato mi sembra che senza farmaci la sua pressione arteriosa sia ai limiti superiori della norma, soprattutto la diastolica.
Per cui forse un trattamento tutto ciò lo merita.
Oltre gli ACE-Inibitori esiste un'altra classe di farmaci, Gli Antagonisti Recettoriali dell'Angiotensina II, che possono controllare la proteinuria e anche la pressione arteriosa.
Ovviamente è indispensabile che tutto ciò lo faccia sotto il controllo ed il consiglio del suo nefrologo di fiducia
La saluto cordialmente
Dr. Giovanni Conti
Specialista in Pediatria e Nefrologia