Angioma venoso cervello lato silistro di 3,5 cm

Uomo di 42 anni – altezza 1,85 – peso 90 kg

ANGIOMA scoperto a causa di una crisi epilettica attualmente in cura con farmaci antiepilettici.

L’epilessia e’ causata probabilmente da una cicatrice di una vena vicina all’ANGIOMA che preme e scatena l'epilessia.

Responso della visita del primario neurochirurgia di Vicenza:

1)intervenire chirurgicamente con probabile lesione lato SX

2)bloccare il flusso sanguigno sulle vene che passano l’ANGIOMA
ma non si conoscono le gravita’ delle possibile conseguenze

3)radioterapia In un’unica seduta con risultato entro 3 anni
ma non si conoscono le gravita’ delle possibile conseguenze.

Prego i sig.ri dottori Medici di dare la loro preziosa opinione, e possibile indicazioni a quale struttura meglio rivolgersi per il trattamento suggerito.
Ringrazio sentitamente.
[#1]
Prof. Paolo Perrini Neurochirurgo 817 37
Gentile Utente,

verosimilmente quello che chiama angioma è una malformazione arterovenosa cerebrale.
Il trattamento di tale lesione è funzione di molteplici parametri che scaturiscono dalla valutazione dell'angiografia, della RMN e dall'esperienza del centro neurochirurgico.
Via web senza poter valutare gli esami eseguiti non è possibile darle un parere sul miglior trattamento della malformazione in questione e quindi sui rischi procedurali.
Cordiali saluti,

Dr Paolo Perrini
Neurochirurgia Universitaria,
Ospedale "Santa Chiara", Pisa.
perrinipaolo@hotmail.com
www.perrinipaolo.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
Egr. dott. Paolo Perrini,

non mi resta che affidarmi all'esperienza del Centro Neurologico.

Data l'importanza di tale fattore, desidero sapere
QUALE CENTRO NEUROLOGICO rivolgermi
per sentirmi meno spaesato
dato che all'Ospedale dell'Angelo di MESTRE VENEZIA non sono stati per nulla convincenti poichè hanno diagnosticato come se avessi TRE problemi differenti in soli TRE giorni!
Io e i miei famigliari pensavamo di impazzire anche per questo grave comportamento imbarazzante che da un OSPEDALE considerato all'avanguardia in EUROPA, pensavo, sbagliando, non dovesse capitare.

Da qui CHIEDO a tutti i medici del settore di lasciare il Vostro Preziosissimo consiglio a
QUALE CENTRO NEUROLOGICO rivolgermi.

in attesa,
ringrazio tutti.
[#3]
Dr. Francesco Zenga Neurochirurgo, Microchirurgo 190 7
Gent.mo utente,
concordo con l'ipotesi che si possa trattare di una malformazione artero-venosa (MAV).
E' indispensabile, inoltre, avere a disposizione le immagini di Risonanza magnetica e, se eseguita, dell'angiografia, per potersi esprimere circa il miglior trattamento possibile per tale tipo di lesione.
Non ritenfo, infine, opportuno, doverle "consigliare" altri centri neurochirurgici a cui rivolgersi. Le posso solo consigliare, un volta presa un decisione, di seguirla fino in fondo.
Sono a disposizione per eventuali ed ulteriori chiarimenti.

Dr. Francesco Zenga
Medico Chirurgo - Specialista in Neurochirurgia
Città della Salute e della Scienza di Torino, sedi Molinette e CTO

[#4]
Prof. Giovanni Grasso Neurochirurgo, Microchirurgo 16 2
Gentile Utente,
senza la documentazione è impossibile esprimere un parere.

Prof. Giovanni Grasso
ggrasso@unipa.it

[#5]
Dr. Agazio Menniti Neurochirurgo 24 1
Gentile utente
Le malformazioni artero-venose sono complesse patologie cerebrali difficili da affrontare senza una completa ed accurata documentazione.
Cordiali saluti
[#6]
Attivo dal 2009 al 2011
Neurochirurgo
Mi spiace ma senza la documentazione radiologica non è possibile esprimere in parere
[#7]
Dr. Roberto Trignani Neurochirurgo 7 1
Ho preso visione della documentazione radiologica (RMN ed Angiografia cerebrale).
La sede, le dimensioni e le caratteristiche angiografiche dela malformazione deporrebbero più a favore di un trattamento chirurgico con il vantaggio di risolvere il problema in un'unica seduta e con rischi contenuti (soprattutto per la sede temporale destra superficiale e le caratteristiche angiografiche di uno scarico venoso superficiale).
Il trattamento endovascolare, comunque non privo di rischi, è verosimile richieda più sedute per una completa occlusione della malformazione.
La radiochirurgia, per una completa obliterazione della lesione vascolare, richiede tempo durante il quale la malformazione può andare incontro a rottura.

Sono a sua disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Dr. Roberto Trignani

[#8]
Dr. Antonio Zingale Neurochirurgo 224 6
Si conferma l'indicazione chirurgica

Dr. Antonio Zingale

[#9]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio di cuore i Dottori che fin'ora
hanno risposto a questo consulto.

Chiedo invece ai Dottori:

- Grasso Giovanni
- Menniti Agazio
- Assietti Roberto

di scrivere il loro consulto, o confermare quelli presenti, poiche' (come richiesto)
ho inviato loro tutta la documentazione necessaria.

In attesa i miei piu' cordiali saluti.
[#10]
Dr. Francesco Zenga Neurochirurgo, Microchirurgo 190 7
Gentile Utente,
sono per confermarle anche io l'opzione chirurgica. Interventi come questo vengono eseguiti routinariamente nel centro dove lavoro dopo accurata rivalutazione delle documentazione radiologica collegialmente con i collegi neuroradiologi.
Cordiali saluti,
[#11]
Dr. Agazio Menniti Neurochirurgo 24 1
Dalle immagini inviate l'intervento chirurgico sembra l'opzione migliore.

Cordiali saluti
[#12]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
porti la documentazione presso la Neurochirurgia di Padova, dove lo specialista che La visiterà, avrà gli elementi clinici e strumentali concreti per porre l'indicazione al trattamento più ottimale
Cordialmente
[#13]
Prof. Giovanni Grasso Neurochirurgo, Microchirurgo 16 2
Scusandomi per il ritardo, confermo l'opzione chirurgica come la piu' indicata sulla scorta della documentazione visionata

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa