Ernia discale posteriore mediana paramediana destra del disco di l2-l3 e l5-s1

Ho 47 anni Ho fatto la risonanza magnetica del rachide lombo-sacrale con questa diagnosi TECNICA: SEGUENZA SAGITALI PESANTE IN T1, FSE T2 E ASSIALI T1 RIDUZIONE DELLA LORDOSI LOMBARE REGOLARE MORFOLOGIA DEI METAMERI ISSEI IN ESAME CONSERVATA AMPIEZZA DEL CANALE MIDOLLARE OSSEO REGOLARE MORFOLOGIA DEL CONO MIDOLLARE ERNIA DISCALE POSTERIORE MEDIANA PARAMEDIANA DESTRA DEL DISCO DI L2-L3 E L5-S1.Martedii scorso accusavo dei dolori forti dietro alla schiena sono andato dal medico curante mi ha prescritto orudis e strialisin fiale il dolore dietro alla schiena e scomparso il dolore adesso si e localizzato lungo la gamba destra dietro alla natica, ginocchio e polpaccio con le punta delle dita del piede addormentate con freddezza, pesantezza di tutta la gama quando guido e accellero mi tira dietro alla gamba mi stanco faccio l'agente di commercio

Sono andato da uno specialista neurochirurgo ad Ottobre scorso, allora avevo gli stessi sintomi ma alla gamba sinistra mi consiglio di operarmi in quanto mi poteva succedere che in qualche incidente ho qualche sforzi particolare, questa ernie poteva intaccare i nervi dello stimolo delle'urine, in questi casi avrei bisogno del catetere e vero, in quella visita mi consiglio di operarmi non mi diede nessuna cura.
Precedentemente ero andato dall'ortopedico il quale vedendo le lastre mi prescrisse bentelan fiale e novalgina e per 15 gg. e delle vitamine, mi disse speriamo che non diventa chirurgica.
[#1]
Dr. Umberto Donati Ortopedico, Chirurgo della mano, Medico legale, Perfezionato in medicine non convenzionali 7,5k 264 8
Il referto RMN descrive la presenza di due ernie del disco, tuttavia la RMN non ha nessun significato clinico da sè sola ma acquista rilievo solo quando va a completare la visita specialistica, andandosi ad aggiungere alla Sua storia clinica, alla descrizione dei Suoi sintomi e ai segni clinici che possano essere emersi dalla visita stessa.
Se i disturbi sono aumentati è possibile che l'ernia del disco irriti la radice nervosa che decorre la parte posteriore dell'arto inferiore e la parte plantare del piede: è indispensabile che si sottoponga a visita specialistica (ortopedica o neurochirurgica) per una valutazione attuale. L'ernia del disco viene considerata chirurgica se il dolore non diminuisce con i farmaci e/o se si evidenziano deficit neurologici. La visita diretta e la visione delle immagini RMN consentiranno di poterLe suggerire il trattamento necessario, quasi sempre medico e quasi mai chirurgico a livello L5-S1.
Cordiali saluti

Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Avrei un'altra domanda l'ortopedico mi ha consigliato un busto della GIBAUD ACTION V da indossare specialmente quanto guido e utile?

Grazie
[#3]
Dr. Umberto Donati Ortopedico, Chirurgo della mano, Medico legale, Perfezionato in medicine non convenzionali 7,5k 264 8
Premesso che la guida al consulto (https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/), che ha letto prima di chiedere il consulto, invita a "non inserire richieste di consulto generiche tese (...) a ricevere informazioni su argomenti generalisti o di prodotti commerciali", devo dire che qualsiasi prescrizione da parte del Suo Ortopedico è scaturita da una visita diretta, e noi a distanza, senza averLa mai visitata e senza aver visto gli accertamenti, non abbiamo nessun elemento per esprimere un parere di qualsiasi genere su una scelta dello Specialista. Se ha qualche dubbio sulla prescrizione del busto è opportuno che ne parli con chi Gliel'ha prescritto.
Cordiali saluti
[#4]
dopo
Utente
Utente
In rif. a questa patologia non sono stato operato, sono 2 anni che faccio ginnastica ogni mattina per circa dieci minuti, con ottimi risultati scomparsa del dolore mi sento benissimo chiedo e possibile che l'ernia rientra da sola e guariscie naturale.
[#5]
Dr. Umberto Donati Ortopedico, Chirurgo della mano, Medico legale, Perfezionato in medicine non convenzionali 7,5k 264 8
Già nella prima risposta scrissi a proposito del trattamento necessario, che esso è "quasi sempre medico e quasi mai chirurgico a livello L5-S1"
L'ernia del disco non "rientra" e non guarisce: semplicemente, con il passare dei mesi si disidrata, cioè perde gran parte del suo contenuto di acqua, e diminuisce di conseguenza di volume. In tal modo perde tra l'altro l'effetto compressivo sulla radice nervosa, spesso con risoluzione della sintomatologia. Il disco rimane comunque danneggiato e quindi privo del suo effetto ammortizzante e l'ernia è ancora al suo posto, forse di dimensioni inferiori rispetto al passato.
Cordiali saluti

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa