Sciatalgia cronica

Sono a richiedere un consulto un parere in quanto soffro tutt'ora di una sciatalgia cronica,ho subito il primo intervento di ernia del disco nel 2008 dove era evidenziata un ernia su L5S1 avevo una piccola ernia su l4l5 ma all'epoca il neurochirurgo deciso di non toccare mi operò l5s1con successo e i sintomi sparirono subito dopo l'intervento non avevo più problemi alla gamba dx ,sfortunatamente a febbraio 2013 dopo uno starnuto sentii una fitta alla schiena dopo 3 giorni rimasi bloccato con la gamba sx con dolori lancinanti 2 volte al pronto soccorso 1 in ambulanza!la Risonanza magnetica evidenziava voluminosa ernia migrata verso l'alto che comprime il sacco durale a sx su L5 S1 e la solita ernia l4 l5 che era sempre lì dal 2008 ,ovviamente cura di antinfiammatori cortisone fisioterapia pancafit allungamenti pompadiomagnetica e tutto quello che potevo fare anzi di più ma a luglio ero sempre con il nervo sciatico pronto a colpire vigliaccamente ad ogni occasione senza preavviso gli ultimi 2 masi prendevo Palexia 50mg 2/3volte al giorno A settembre mi chiamano per l'intervento penso io finalmente 3 giorni all'ospedale ieri poi torno alla mia vita.........macché dopo 5 ore in sala operatoria per rimozione ernia l5s1e pure l4l5 ......2 giorni dopo l'intervento stavo peggio di prima con dolori alla gamba da piangere!!!!! Mi fanno una risonanza con contrasto e si evidenzia un frammento di ernia che comprime il nervo!!!!! E non si capisce se errore se cascato nell'operazione o recidiva!!!! Dalla sala al letto recidivo!!??? Mi rioperano di nuovo dopo 4 giorni ma sfortunatamente il dolore alla gamba rimane molto forte ,in ospedale mi tranquillizzano tutti dicendomi é normale ci si é lavorato tanto raschiato pulito e ci sta che il nervo sia infiammato quindi dimesso con dolore alla gamba sx cura di antinfiammatori cortisone io ho aggiunto acido alfa lipoico ma a distanza di 3 settimane ho sempre dolore alla gamba nervo infiammato notti in bianco stress ed ora anche attacchi di panico perché ho tanta tanta paura di non guarire , possibile che il nervo sia infiammato per i due interventi in 8 giorni o c'è qualche altro problema .attualmente passo quasi tutto il giorno a letto le poche volte che iniziato a muovermi un po' di più ho sistematicamente avuto problemi e dolori vari ho 40 anni e sono molto molto preoccupato grazie in anticipo è scusate la lunghezza ma 3 interventi era difficile raccontarli in poche righe grazie
[#1]
Dr. Alessandro Rinaldi Neurochirurgo, Neurologo 377 20 7
Gentile signore,
Mi dispiace per l'esito ancora non soddisfacente per lei dopo tre interventi chirurgici. Purtroppo a volte capita e la manipolazione chirurgica crea cicatrici esse stesse dolorose. Quindi da questo momento meglio essere molto cauti.
Una via da percorrere è lasciar passare un periodo di riposo (come lei sta già facendo) utile a far guarire la ferita, eventualmente, si, con uso di cicli di cortisone per decongestionare la cicatrice chirurgica. Potrà successivamente essere opportuno fare degli studi radiologici per valutare la funzione della colonna sottoposta a chirurgia (prove dinamiche e da carico durante rx o RM).
Nel frattempo per moderare il suo dolore potrebbe provare farmaci come Lyrica, Neurontin, o Gabapentin, dopo prescrizione medica, utili per eventuali sofferenze delle fibre del dolore lungo le vie periferiche, o meglio, afferire ad una unità di Terapia del Dolore.

I miei migliori auguri,
Cordiali saluti

Dr. Alessandro  Rinaldi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie tante per la risposta ,visto che ad oggi ho ancora dolori alla gamba e alla schiena ho richiamato il neurochirurgo che mi ha operato e tra due giorni mi fa una visita,e tra 10 giorni farò l'ennesima risonanza per capire cosa è successo e cosa comprime ancora il nervo ....un calvario senza fine...grazie ancora Dottore

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio