Ernia d8-d9 e assai modeste alterazioni spondilodiscoartrosiche nel tratto c3-c6

Buongiorno , vorrei chiedere delle domande su alcuni esami , soprattutto cosa devo fare.Nel 2010 mi riscontrarono mentre ero ricoverata per la mia malattia (sarcoidosi polmonare) un'ernia a livello d8/d9.Rifeci la risonanza nel luglio 2014 e il referto dice che c'e' questa piccola ernia compresa tra d8/d9 e in piu' cancellazione degli spazi liquorali perimidollari anteriori ed impronta sul midollo e perdita della fisiologica idratazione del nucleo polposo del disco intersomatico.Da un po' di mesi mi fa male tutta la colonna compreso rachide cervicale e mi prende spalle braccia e parestesie estese agl'arti superiori e poca forza che mi cadono le cose dalle mani e a volte mi escono all' improvviso ematomi sulle mani o braccia senza aver battuto allora la mia dott.ssa mi consiglio' proviamo a eseguire la rm alla rachide cervicale.L'ho eseguita il 15/4/2015 con il seguente esito:
ESAME DEL RACHIDE CERVICALE ESEGUITO CON SEZIONI SAGITTALI PONDERATE IN T1 E T2.SEZIONI ASSIALI FFE T2 SONO STATE CENTRATE SUL TRATTO C3-D1.PRESENZA DI ASSAI MODESTE ALTERAZIONI SPONDILODISCOARTROSICHE NEL TRATTO C3-C6 CHE DETERMINANO LIEVI IMPRONTE SUL PROFILO VENTRALE DEL SACCO DURALE IN SEDE MEDIANA. chiedo la gentilezza a voi medici se mi potete spiegare sia cosa significa e sia cosa posso fare.GRAZIE
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
La compressione cervicale la darei innocente per quanto riguarda la forza delle mani.
Anche la protrusione T8-T9 non c'entra con le mani, al massimo avrebbe dovuto avere qualche problema agli arti inf. (che, viceversa, Lei non segnala).
Forse, per completezza, eseguirei nuovamente una rm alla colonna toracica ed a quella lombo-sacrale.
Infine, un EMG agli arti sup. ed inferiori potrebbe essere utile.
Se queste ultime indagini consigliate risultassero negative, non vedrei indicazioni chirurgiche di ns. competenza.

Immagino che Lei sia seguita costantemente per la sarcoidosi, per cui porrei il quesito, al Collega della Specialità ad hoc, di quanto collegamento possa esserci fra i nuovi Suoi disturbi avvertiti e la cosiddetta malattia di base.
A disposizione per eventuali ulteriori delucidazioni.
Cordiali saluti.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dr. per la sua risposta.Si il fatto che mi succede anche di sentire dolori alle gambe pesantezza e mi escono anche piccoli ematomi alle gambe e poca forza.Dalla visita del 1-9-2014 il neurochirurgo scrisse: lieve risparmio alla dorsiflessione del piede sinistro su base antalgica dolore alla palpazione delle spinose e della muscolatura paravertebrale dorsolombare; aumento del dolore in flessione anteriore del tronco,meno in estensione(ma ancora in quel periodo non avevo fatto la rm alla rachide per prassi).L'ultima risonanza consigliata fu quella della rachide cervicale che diede l'esito che le ho scritto che mi diagnisticarono la spondilodiscoartrosiche (questione di cui ho parlato con la mia pneumologa e il suo parere è stato di portagli le risonanze fatte che parlera' con il neurochirurgo di fiducia per fargli valutare bene la mia situazione )perché non le dico quante volte mi blocco e sinceramente parlando ho anche due figli piccoli e alcune mattine non riesco neanche ad alzarmi dal letto e stare dietro a loro perché mi prende vista dolori forti dalla testa rachide e tutta la colonna fino al lombo sacrale e gambe...Non le dico quante giornate perse al pronto soccorso...per farmi 2 flebo di antidolorifico e mandarmi a casa senza miglioramenti..Presi anche il seractil ma senza miglioramenti.Lei dottore cosa potrebbe consigliarmi? Grazie per la sua disponibilita'
[#3]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Farei prima le indagini già consigliate.
Saluti cordiali.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa