Utente
Buonasera,
sono una ragazza di 23 anni.
Da circa 5 o 6 mesi presento un dolore a livello dell'olecrano e parestesia e formicolio al 4 e 5 dito. Questi sintomi si presentano soprattutto quando piego i gomitie principalmente durante il sonno notturno. Ho eseguito già 3 ecografie a distanza di 1 mese l'una dall'altra e tutte hanno evidenziato un'infiammaziond del nervo ulnare, con un diametro circa doppio rispetto alla norma. Martedì scorso,in seguito a prescrizione del mio medico curante, ho eseguito un esame per analizzare sia la velocità di conduzione motoria che sensitiva. I risultati hanno evidanziato un rallentamento delle velocità di conduzione motoria e sensitiva nel tratto includente il gomito, bilateralmente ma maggiormente a sinistra. La velocità di conduzione motoria è risultata essere 39 m/s nell'arto dx e 32 m/s nel sx, mentre la velocità di conduzione sensitiva a dx 45 m/s e a sx 41 m/s.
Vorrei sapere se il nome del mio disturbo è sindrome del tunnel cubitale e da chi mi devo recare per eseguire una visita più accurata. Il neurologo che ha effettuato l'esame mi ha suggerito di recarmi il prossimo autunno da un neurochirgo.
Inoltre gradirei sapere se ci sono delle terapie che posso seguire prima di arrivare all'intervento chirurgico, come farmaci, laser o tutori; da qualche giorno ho iniziatouna terapia vitaminica.

La ringrazio molto

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

certamente il formicolio (parestesie) a mignolo e anulare indicano una sofferenza del nervo ulnare, verosimilmente al canale cubitale (gomito).

Il dolore locale potrebbe essere collegato a questo problema, ma potrebbe anche non esserlo: potrebbe cioè trattarsi di una epitrocleite concomitante.

Solo una visita specialistica può dare risposte definitive.

Certamente la positività dell'EMG e i disturbi da lei lamentati sono indicativi.

Potrebbe anche fare un tentativo per un solo mese con integratori neurotrofici a pieno dosaggio, per vedere se c'è o meno una tendenza al miglioramento clinico.

Buona serata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale