Utente 414XXX
Salve, in attesa della visita dal neurochirurgo, vorrei sottoporvi il referto della rmn lombosacrale x avere un po' più le idee chiare fin da subito, perché purtroppo sono stata operata a febbraio di ernia al disco l5-s1 e piu precisamente: interemilaminectomia ed ampia facettectomia ; il recesso è alquanto stenotico x ipertrofia delle faccette articolari,flavectomia, Erniectomia accurata, discectomia. Si procede con un'inserzione di un Cage un titanio riempito con osso autologo. Artrodesi intersomatica posteriore. Bene questo è il mio intervento, ma il decorso di guarigione non c'è stato, anzi....sto peggiorando sempre di più, sono bloccata a letto con la stessa sintomatologia di prima, anzi peggio. Così ho fatto di nuovo rmn e volevo sottoporvi il referto: sono evidenti gli esiti ossei del pregresso intervento chirurgico (emilaminectomia destra di l5-s1) con posizionamento Cage intersomatica. Al controllo odierno è completamente assorbita la raccolta fluida precedentemente descritta nello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo mentre è presente abbondante tessuto di granulazione nei tessuti molli paraspinosi di destra e all'altezza della breccia chirurgica dove è presente una propaggine che si estende all'interno del canale spinale lungo la parete destra fino a giungere all'altezza Del recesso antero-laterale destro dove ingloba da dietro la porzione prossimale della tasca radicolare s1. Tale tessuto subisce un intenso enhancement dopo somministrazione di gadolinio molto verosimilmente in rapporto a persistenza di iperemia riparativa,da valutare in ambito specialistico. Al momento attuale non sono riconoscibili raccolte fluide flogistiche sia nei tessuti molli paraspinosi che in sede endocanalare mentre è presente una sofferenza edematosa molto verosimilmente su base osteocondrosica dei piatti vertebrali giustapposti in l5-s1 che subisce un minimo enhancement contrastgrafico anch'essa da rivalutare.
Sarei grata se qualcuno mi spiegasse cosa significa tutto ciò perché nonostante cura di cortisone,antidolorifici e vari vari farmaci,non ho miglioramenti e il dolore è vivo,lancinante più di prima,zona lombare,gluteo, gamba e piede...come se avessi di nuovo l'ernia di prima!
Grazie x l'interessamento

[#1]  
Dr. Carlo Delvecchio

20% attività
0% attualità
0% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
gent.mo utente
non mi è chiaro se oltre alla cage intersomatica a L5-S1 sono stati posizionati anche viti e barre.
Ad ogni modo nel suo caso è fondamentale la visione diretta delle immagini di RMN, oltre ad un accurato esame clinico.
Dr. Carlo Delvecchio
specialista in neurochirurgia

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Buonasera dottor Delvecchio,
Grazie x la celere risposta,
Purtroppo non sono capace di inviarle le immagini della risonanza, le rispondo che non ho ne viti ne placche, purtroppo la situazione sta veramente degenerando, ho tanto dolore e continue scosse che partono da sotto la ferita e arrivano sia in maniera superficiale che profonda in tutto l'arto dx.
Gluteo,coscia,polpaccio e piede,come se ci fosse qualcosa che intrappola ancora il nervo. Alla luce del referto della risonanza magnetica,da quale ignorante,sembra come se si stia formando qualcosa che non riesce a riparare, ho la schiena e la gamba totalmente infiammata e non so più come gestire il tutto. Ovviamente sono 6 mesi che sono bloccata a letto xchè il dolore non è diminuito e la mia colonna ha perso muscolatura e sono costretta ancora col busto che ovviamente tira sulla ferita. Non so piu che fare,secondo lei è probabile che si stia formando una grande cicatrice che dai paravertebrali ingloba il nervo? Perché è tanto questa l'impressione che ho. Sono veramente disperata.
La ringrazio ancora