Utente
Gent. dottori,
il mio ragazzo (34 anni, operato due anni fa di grave ernia al disco cervicale), da un mese e più accusa forte debolezza, dolori al collo e gambe molli che limitano molto le attività quotidiane e spesso lo costringono a letto, impedendogli anche l'attività lavorativa.
Abbiamo effettuato risonanza magnetica, esami del sangue e visite neurologiche che non hanno rilevato patologie importanti a carico delle vertebre operate, ma una verticalizzazione del tratto cervicale del collo e un' altra ernia modesta da trattare con sedute di fisioterapia.
A parte la constatazione che i sintomi non siano imputabili a patologia grave o all'altra ernia evidenziata, finora però non ci sono stati consigliati rimedi per alleviare i sintomi o indagare meglio il problema e il mio ragazzo continua a star male. A cosa altro potrebbero essere imputabili i sintomi? Quali altri esami effettuare? Sarebbe necessario rivolgersi ad altri specialisti?

Vi ringrazio per le vostre risposte,

[#1]  
Dr. Alessandro Rinaldi

40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
buongiorno
per completare il corredo diagnostico dopo la RM visti i sintomi che riferisce, potrebbe essere opportuno aggiungere un completamento RM su rachide dorsale e lombosacrale e uno studio neurofisiologico con elettromiografia cervicale e potenziali evocati sensitivi (SEP) e motori (MEP). Questo potrebbe chiarire se i sintomi sono in relazione con la patologia da ernia cervicale o altro.
cordiali saluti
Dr. Alessandro  Rinaldi